Stai leggendo:

"Dheepan" di Jacques Audiard

22 ottobre 2015 (21 Maggio 2015) Recensioni 6 Commenti
Dheepan

Bim, 22 Ottobre 2015 – Forte

Per fuggire alla guerra civile nello Sri Lanka un ex soldato, una giovane donna e bambina fingono di essere una famiglia, assumendo l’identità di persone morte durante il conflitto. Arrivano in Francia e chiedono asilo politico, venendo mandati in una banlieue parigina…


Claudine Vinasithamby e Jesuthasan Antonythasan in DheepanCon perfetto tempismo, Jacques Audiard porta in concorso al Festival di Cannes un film sugli immigrati. Lo fa con la lucidità che gli è ormai naturale e lo fa ovviamente anche per raccontare i ghetti francesi che hanno già fatto sfondo ai suoi due ultimi, splendidi, film. In Dheepan è dal punto di vista dei tre profughi che il regista parigino ci mostra l’ambiente degradato in cui le bande di spacciatori prosperano, ed è anche grazie alle loro parole e ai loro sguardi che capiamo come quella periferia francese non sia poi molto diversa dallo Sri Lanka in guerra da cui sono fuggiti.

Kalieaswari Sniriwasan in una scena di DheepanDheepan è un film duro e disturbante, certamente scomodo e per nulla accomodante. Lo stile asciutto di Audiard aiuta a rendere perfettamente la crudezza dell’ambiente, trovando ottima sponda nei volti dei suoi sconosciuti protagonisti e creando anche un personaggio secondario particolarmente riuscito. Certo non siamo al livello del Profeta e di Ruggine e Ossa, ma si tratta comunque di un film in grado di suscitare emozioni forti, nonostante sia più difficile immedesimarsi nei personaggi. Il finale agrodolce tutt’altro che conciliante, poi, è un tocco politico non da poco. E anche per questo, è facile che il film non piaccia a chi ha determinate idee ben radicate in testa.


La locandina di DheepanTitolo: Dheepan – Una nuova vita (Dheepan)
Regia: Jacques Audiard
Sceneggiatura: Noé Debré, Thomas Bidegain, Jacques Audiard
Fotografia: Éponine Momenceau
Interpreti: Jesuthasan Antonythasan, Kalieaswari Sniriwasan, Claudine Vinasithamby, Vincent Rottiers, Marc Zinga, Frank Falise
Nazionalità: Francia, 2015
Durata: 1h. 50′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 6 commenti a questo articolo:

  1. Sebastiano ha detto:

    Palma meritata dunque?

  2. Alberto Cassani ha detto:

    Palma non rubata, ma nemmeno completamente meritata. Non c’è stato nessun film in cui siamo usciti dalla sala pensando “Palma d’oro”. Quello che ci si avvicinava di più, ma a mente fredda visto il tema, è stata “Saul fia”. Tutti gli altri lasciavano spazio a dubbi. Questo è un sicuramente buon film, ma nettamente inferiore agli ultimi due di Audiard.

  3. Sebastiano ha detto:

    Eh, del resto, se parti facendo Il profeta e Ruggine e ossa, insomma, ti condanni da solo. Comincio a pensare che sia proprio una colpa..

  4. skumkyman ha detto:

    bello! …a suo modo mi ricorda taxi driver.

  5. Alberto Cassani ha detto:

    Io sono abbastanza perplesso da tutte le critiche negative che il film ha ricevuto da Cannes e in seguito. Mi pare sicuramente un buon film, seppur privo della potenza delle ultime due opere di Audiard, eppure molti critici l’hanno massacrato.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].