Stai leggendo:

"Il Miglio Verde" di Frank Darabont

25 marzo 2000 Recensioni 4 Commenti
miglioverde

Warner, 10 Marzo 2000 – Toccante

Louisiana, 1935. Il miglio verde è il braccio della morte del carcere statale, in cui arriva un nuovo John Coffey, condannato per violenza carnale e omicidio nei confronti di due bambine. Andrà sulla sedia elettrica come gli altri tre prigionieri, ma lui è diverso. Ha un dono: sa fare miracoli…


Tom Hanks, Michael Clarke Duncan e David Morse in Il Miglio VerdeSeconda regia per il grande schermo per Frank Darabont, reduce dagli unanimi consensi ricevuti con Le ali della libertà. Fin qui specializzato in film horror, Darabont era stato autore di sceneggiature come Nightmare 3, Blob – Il fluido che uccide, La mosca 2 e Frankenstein di Mary Shelley, esordendo alla regia adattando per la televisione un racconto di Poe. Come Stephen King con Stagioni diverse aveva dimostrato di saper scrivere storie non horror, così con Le ali della libertà il regista nativo della Francia ha dimostrato di essere capace di raccontare anche storie non d’orrore. Rispetto al film precedente, qui Darabont (e King) ne riprende l’ambientazione carceraria, ne sposta la vicenda una decina d’anni indietro nel tempo e soprattutto sposta il punto di vista da un prigioniero ad una guardia carceraria.

Il miglio verdeTom Hanks, attualmente uno degli attori più apprezzati da Hollywood, è sempre bravissimo nell’interpretare l’uomo comune che si ritrova suo malgrado in situazioni inusuali. Al suo fianco ci sono diversi volti più o meno noti, ma nessun nome veramente importante.
Tom Hanks, Barry Pepper e David Morse in Il Miglio VerdeJames Cromwell, il direttore del carcere, ha un futuro da spalla di lusso nonostante la nomination all’Oscar per Babe e un’altra ottima interpretazione in L.A. Confidential. Barry Pepper, Jeffrey DeMunn e David Morse interpretano molto bene le altre guardie carcerarie. Ma l’interpretazione che più rimane impressa è quella di Michael Clarke Duncan, che ha ottenuto la parte di John Coffey grazie all’interessamento di Bruce Willis, suo compagno di lavoro in Armageddon.

Michael Jeter in Il Miglio VerdeIl Miglio Verde è un film molto lungo, più di 3 ore, ma riesce a non essere eccessivamente pesante grazie soprattutto alla riuscita alternanza tra momenti drammatici e scene più leggere. Ha però il difetto di essere un po’ dispersivo in alcuni risvolti per colpa dei troppi elementi cui viene data importanza, e sembra eccessivamente prolungato nel prologo e nell’epilogo. La cornice moderna che apre e chiude il film sembra infatti totalmente superflua, ma per fortuna le scene realmente straordinarie sono più d’una, dalla prima esecuzione all’arrivo di Coffey in carcere all’ultimo miracolo (scena che per certi versi ne ricorda una analoga nel bel Powder di Victor Salva).

Tom Hanks e Michael Clarke Duncan in Il Miglio VerdeFilm che gira attorno alla pena di morte, Il Miglio Verde è soprattutto la storia di un uomo dotato di un dono straordinario e del suo rapporto con un altro uomo. Nel suo non voler prendere posizione decisa riguardo la pena di morte si presta a interpretazioni diverse e a reazioni diverse da parte dei singoli spettatori. Di certo non è un film che lascia indifferenti, grazie alla storia intensa che racconta, alle buone prove attoriali e ad una regia avvolgente e misurata, capace di esaltare la forza del materiale a disposizione.


La locandina di Il Miglio VerdeTitolo: Il Miglio Verde (The Green Mile)
Regia: Frank Darabont
Sceneggiatura: Frank Darabont
Fotografia: David Tattersall
Interpreti: Tom Hanks, Michael Clarke Duncan, David Morse, James Cromwell, Bonnie Hunt, Patricia Clarkson, Jeffrey DeMunn, Graham Greene, Jade Herrera, Michael Jeter, Doug Hutchinson, Barry Pepper, Sam Rockwell, Gary Sinise, Harry Dean Stanton
Nazionalità: USA, 1999
Durata: 3h. 08′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 4 commenti a questo articolo:

  1. Anonimo scrive:

    e’ il piu’ bel film che abbia mai visto

  2. Riccardo scrive:

    Impossibile vedere questo film a occhi asciutti.

  3. Anonimo scrive:

    straordinario film…….. molto commovente ,il grande giganta gentile mi ha emozionato tantisssssssimo!!!!!!!!

  4. franco scrive:

    Interpretato in modo eccellente da tutti i protagonisti che riescono a penetrare in profondità il telespettatore cosa che è successa con me. Un po’ lunga l’introduzione ma è un film che ti coinvolge completamente

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.