Stai leggendo:

"L'ultimo terrestre" di Gipi

8 settembre 2011 Recensioni 0 Commenti
Alberto Cassani, 8 Settembre 2011: Mediocre
Fandango, 9 Settembre 2011

Gli alieni stanno arrivando, e ognuno reagisce a proprio modo all’avvento. Il complessato Luca vive un’esistenza solitaria in un paesino di provincia, tra il lavoro al bingo e una visita alla fattoria del padre. Un giorno incontra finalmente la vicina di casa di cui è segretamente innamorato…


Gian Alfonso Pacinotti, in arte Gipi, è forse l’unico fumettista italiano capace di trascendere davvero il “recinto” che sembra dividere chi lavora nel campo dei fumetti da chi non è appassionato, arrivando a farsi conoscere anche da chi non lo legge e non lo leggerebbe mai. Sembra quindi abbastanza normale il suo approdo a mezzi di comunicazione diversi, e non c’è da stupirsi che abbia deciso di seguire le orme di Frank Miller – uno degli autori più importanti del fumetto moderno – e debuttare alla regia cinematografica. Come Miller, anche lui adatta per il grande schermo il fumetto di un altro. Sfortunatamente, come Miller anche lui dimostra di non avere ben assimilato la differenza tra racconto fumettistico e racconto cinematografico e di non essersi (ancora?) adattato bene al nuovo medium. E come Miller, anche lui dimostra di avere ben poche idee registiche in testa.

Tratto dal fumetto di Giacomo Monti Nessuno mi farà del male, L’ultimo terrestre è stato inserito nel Concorso del Festival di Venezia 2011 ma bastano poche scene per accorgersi che non meritava assolutamente una tale vetrina. Vero è che in questo ha buona compagnia, ma un film con così poche idee e girato in maniera così piatta non fa onore né al Festival né tantomeno al già derelitto cinema italiano. Al di là di un buon inizio e di una rissa per strada girata in maniera efficacissima, il film è privo di guizzi sia visivi sia narrativi, è pieno di stereotipi sulla provincia italiana, ha una realizzazione tecnica anonima ed è recitato male da quasi tutti gli attori. Certo più di un dialogo suona divertente, e non è difficile capire come nella testa del regista il mondo che ci viene raccontato sarebbe dovuto risultare grottesco e forse persino angosciante, ma nel suo complesso ci appare solamente squallido e finto. Finto come gli alieni in tuta di gomma, la cui parabola ci fa sorridere ma non riesce assolutamente a sembrare pronfonda né a farci riflettere come vorrebbe. Ci si può anche accontentare, d’accordo, ma le intenzioni di Gipi erano chiaramente molto più ambiziose.


Titolo: L’ultimo terrestre
Regia: Gipi
Sceneggiatura: Gipi
Fotografia: Vladan Radovic
Interpreti: Gabriele Spinelli, Anna Bellato, Luca Marinelli, Teco Celio, Stefano Scherini, Roberto Herlitzka, Paolo Mazzarelli, Sara Rosa Losilla, Vincenzo Illiano, Ermanna Montanari
Nazionalità: Italia, 2011
Durata: 1h. 36′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre