Stai leggendo:

Festival di Venezia 2011

10 settembre 2011 News 2 Commenti
Festival di Venezia 2011

Ecco i risultati della cerimonia che ha chiuso il 68° Festival di Venezia, tenutosi dal 31 agosto al 10 settembre nella consueta cornice lidense e che pur non avendo ancora il nuovo Palazzo del Cinema si è avvalso di una Sala Grande completamente rinnovata…


I premi

Leone d’oro al miglior film: Faust di Aleksander Sokurov
Leone d’argento per la miglior regia: Cai Shangjun per Ren Shan Ren Hai
Premio Speciale della Giuria: Terraferma di Emanuele Crialese
Coppa Volpi al Miglior Attore: Michael Fassbender in Shame di Steve McQueen
Coppa Volpi alla Miglior Attrice: Deannie Yip in Tao Jie (A Simple Life) di Ann Hui
Premio Marcello Mastroianni alla miglior attrice emergente: Shota Sometai & Fumi Nikaido per Himizu di Sono Sion
Osella per la miglior sceneggiatura: Yorgos Lanthimos & Eftimis Filippou per Alpeis di Yorgos Lanthimos
Osella per il miglior contributo tecnico: Robbie Ryan per la fotografia di Wuthering Heights di Andrea Arnold
Leone del Futuro – Premio Luigi De Laurentiis alla miglior opera prima: Là-bas di Guido Lombardi
Premio Controcampo italiano: Scialla di Francesco Bruni
Premio Controcampo (cortometraggi): A Chjàna di Jonas Carpignano
Premio Controcampo (documentari): Pugni chiusi di Fiorella Infascelli
Premio Orizzonti: Kotoko di Shinya Tsukamoto
Premio Speciale della giuria Orizzonti: Whores’ Glory di Michael Glawogger


Concorso

4:44 Last Day on Earth di Abel Ferrara (USA)
A Dangerous Method di David Cronenberg (Germania, Canada)
Alpeis di Yorgos Lanthimos (Grecia)
Carnage di Roman Polanski (Francia, Germania, Spagna, Polonia)
Dark Horse di Todd Solondz (USA)
Dyut Ming Gam di Johnnie To (Cina)
Faust di Aleksander Sokurov (Russia)
Hahithalfut di Eran Kolirin (Israele, Germania)
Himizu di Sion Sono (Giappone)
Killer Joe di William Friedkin (USA)
La talpa di Tomas Alfredson (Gran Bretagna, Germania)
Le idi di marzo di George Clooney (USA) – Film d’apertura
L’ultimo terrestre di Gipi (Italia)
Poulet aux prunes di Marjane Satrapi & Vincent Paronnaud (Francia, Belgio, Germania)
Quando la Notte di Cristina Comencini (Italia)
Ren Shan Ren Hai di Cai Shangjun (Cina)
Saideke Balai di Te-Sheng Wei (Taiwan)
Shame di Steve McQueen (Gran Bretagna)
Tao Jie di Ann Hui (Cina)
Terraferma di Emanuele Crialese (Italia, Francia)
Texas Killing Fields di Ami Canaan Mann (USA)
Un été brulant di Philippe Garrel (Francia, Italia, Svizzera)
Wuthering Heights di Andrea Arnold (Gran Bretagna)

Giuria: Darren Aronofsky (Presidente), Eija-Liisa Ahtila, David Byrne, Todd Haynes, Mario Martone, Alba Rohrwacher e André Téchiné.

Fuori Concorso

Alois Nebel di Tomás Lunák (Repubblica Ceca, Germania)
Baish Echuanshuo di Tony Ching (Cina)
Contagion di Steven Soderbergh (USA)
Damsels in Distress di Whit Stillman (USA) – Film di chiusura della sezione
Diana Vreeland: The Eye Has To Travel di Lisa Immordino Vreeland (USA)
Duvidha di Mani Kaul (India)
Eva di Kike Maillo (Spagna, Francia)
Il villaggio di cartone di Ermanno Olmi (Italia)
India, Matri Bhumi di Roberto Rossellini (Italia, Francia, India, 1959)
La Clé Des Champs di Claude Nuridsany, Marie Perennou (Francia)
La Désintégration di Philippe Faucon (Francia)
La folie almayer di Chantal Akerman (Belgio, Francia)
Mildred Pierce di Todd Haynes (USA)
Nel nome del padre di Marco Bellocchio (Italia)
Questa storia qua di Alessandro Paris, Sibylle Righetti (Italia)
Scossa di Francesco Maselli, Carlo Lizzani, Ugo Gregoretti, Nino Russo (Italia)
Summer Games di Rolando Colla (Svizzera, Italia)
Tahrir 2011 di Tamer Ezzat, Ahmad Abdalla, Ayten Amin, Amr Salama (Egitto)
The Moth Diaries di Mary Harron (Canada, Irlanda)
Tormented di Takashi Shimizu (Giappone)
Vivan las antipodas! di Victor Kossakovsky (Germania, Argentina, Olanda, Cile, Russia) – Film d’apertura della sezione
W.E. di Madonna (Gran Bretagna)
We Can’t Go Home Again di Nicholas Ray (USA, 1976)
Don’t Expect Too Much di Susan Ray (USA)
Wilde Salome di Al Pacino (USA)

Settimana della Critica

El campo di Hernán Belón (Argentina)
El lenguaje de los machetes di Kyzza Terrazas (Messico)
La terre outragée di Michale Boganim (Francia-Germania-Polonia-Ucraina)
Là-bas di Guido Lombardi (Italia)
Louise Wimmer di Cyril Mennegun (Francia)
Marécages di Guy Édoin (Canada)
Missione di pace di Francesco Lagi (Italia) – Film di chiusura della sezione, fuori concorso
Stockholm Östra di Simon Kaijser da Silva (Svezia) – Film di apertura della sezione, fuori concorso
Totem di Jessica Krummacher (Germania)

Giuria Opera Prima: Carlo Mazzacurati (Presidente), Aleksei Fedorchenko, Fred Roos, Charles Tesson, Serra Yilmaz.

Giornate degli Autori

Another Silence di Santiago Amigorena (Francia, Canada, Brasile, Argentina)
Cafe de flore di Jean-Marc Vallée (Canada, Francia)
Habibi di Susan Youssef (Palestina, EmiratiArabi, Olanda)
Historias que so existem quando lembradas di Julia Murat (Brasile, Argentina, Francia)
Hiver Dernier di John Shank (Belgio, Francia)
Inni di Vincent Morisset (Canada)
Io sono Li di Andrea Segre (Italia, Francia)
Ki di Ladzek Dawid (Polonia)
Love And Bruises di Lou Ye (Francia)
Oro negro di Fernando Solanas (Argentina)
Portret v Sumerkakh di Angelina Nikonova (Russia)
Presume coupable di Vincent Garenq (Francia)
Ruggine di Daniele Gaglianone (Italia)
Toutes nos envies di Philippe Lioret (Francia)

Orizzonti

Amore Carne di Pippo Delbono (Italia, Svizzera)
Anhey Ghorhey Da Daan di Gurvinder Singh (India)
Birmingham Ornament di Andrey Silvestrov, Yuri Leiderman (Russia)
Cisne di Teresa Villaverde (Portogallo)
Cut di Amir Naderi (Giappone) – Film d’apertura della sezione
Die Herde Des Herrn di Romuald Karmakar (Germania)
Girimunho di Helvécio Marins Jr, Clarissa Campolina (Brasile, Spagna, Germania)
Hail di Amiel Courtin-Wilson (Australia)
I’m Carolyn Parker: The Good, The Mad And The Beautiful di Jonathan Demme (USA)
Jultak Dongshi di Kyungmook Kim (Corea del Sud)
Kotoko di Shinya Tsukamoto (Giappone)
Le petit poucet di Marina De Van (Francia)
L’oiseau di Yves Caumon (Francia)
Lung Neaw Visits His Neighbours di Rirkrit Tiravanjia (Thailandia, Messico)
Monkey Sandwich di Wim Vandekeybus (Belgio)
Nocturnos di Edgardo Cozarinsky (Argentina)
O le tulafale di Tusi Tamasese (Samoa)
Photographic Memory di Ross McElwee (Usa, Francia)
Sal di James Franco (USA)
Shock Head Soul di Simon Pummel (Paesi Bassi, Gran Bretagna)
Singo ng pagluluwal di Lav Diaz (Filippine)
The Invader di Nicolas Provost (Belgio)
Two Years At Sea di Ben Rivers (Gran Breatagna)
Verano di José Luis Torres Leiva (Cile)
Whores’ Glory di Michael Glawogger (Austria, Germania)
Wokou De Zongji di Haofeng Xu (Cina)
Would you have sex with an arab? di Yolande Zauberman (Francia)

Giuria Orizzonti: Jia Zhang-ke (Presidente), Stuart Comer, Odile Decq, Marrianne Khoury, Jacopo Quadri.

Controcampo italiano

Andata e Ritorno di Donatella Finocchiaro (documentario)
Black Block di Carlo Augusto Bachschmidt (documentario)
Caldo Grigio, Caldo Nero di Marco Dentici (documentario)
Cavalli di Michele Rho
Cose Dell’altro Mondo di Francesco Patierno
Dai nostri inviati. la RAI racconta la mostra del cinema 1968-1979 di Giuseppe Giannotti, Enrico Salvatori, Davide Savelli (documentario)
Hollywood Invasion di Marco Spagnoli (documentario)
Io sono. Storie di schiavitù di Barbara Cupisti (documentario)
L’arrivo di Wang dei Manetti Bros.
Maternity Blues di Fabrizio Cattani
Out of Tehran di Monica Maggioni (documentario)
Pasta nera di Alessandro Piva (documentario)
Piazza Garibaldi di Davide Ferrario
Pivano blues. Sulla strada di Nanda di Teresa Marchesi
Pugni chiusi di Fiorella Infascelli (documentario)
Qualche Nuvola di Saverio Di Biagio
Quiproquo di Elisabetta Sgarbi (documentario)
Rudolf Jacobs, l’uomo che nacque morendo di Luigi M. Faccini
Schuberth. L’atelier della dolce vita di Antonello Sarno (documentario)
Scialla! di Francesco Bruni
Tutta colpa della musica di Ricky Tognazzi
Un foglio bianco di Maurizio Zaccaro

Giuria Controcampo Italiano: Stefano Incerti (Presidente), Aureliano Amadei, Cristiana Capotondi.


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 2 commenti a questo articolo:

  1. […] che il Festival di Venezia 2011 (e con esso probabilmente l’era Müller) sta arrivando a conclusione, si può cominciare a […]

  2. […] che ci viene consegnato dal regista russo, uno dei candidati di punta per i premi maggiori di Venezia 2011, è un film che diverrà un vero e proprio oggetto di studio critico per gli anni a venire, […]

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 16 al 18 settembre

  • 1. Alla ricerca di Dory (5.565.727)
  • 2. Trafficanti (879.300)
  • 3. Io prima di te (836.117)
  • 4. L'estate addosso (757.222)
  • 5. Independence Day - Rigenerazione (649.407)
  • 6. The Beatles - Eight Days a Week (582.407)
  • 7. L'era glaciale: In rotta di collisione (485.655)
  • 8. Jason Bourne (267.705)
  • 9. Man in the Dark (239.614)
  • 10. Fuck You Prof! 2 (149.989)