Stai leggendo:

"Per amor vostro" di Giuseppe Gaudino

14 settembre 2015 Senza categoria 0 Commenti
Per amor vostro

Officine Ubu, 17 Settembre 2015 – Discutibile

Anna conduce da troppi anni una vita fatta solo di bocconi amari: madre di difficili figli adolescenti, moglie di un uomo violento e prevaricatore, ultima ruota del carro nella lavorazione di una terribile soap. Il suo uscire dalle difficoltà sarà un ritorno ai colori più limpidi dell’esistenza…


Valeria Golino in Per amor vostroDopo una carriera trentennale fatta principalmente di documentari, Gaudino torna in concorso al Lido di Venezia con il suo secondo lungometraggio di finzione, apparentemente solo una vetrina per la sua protagonista, ma in realtà meritevole di uno sguardo più attento. Originario di Pozzuoli, il regista ambienta anche questa storia in un paesaggio che gli è profondamente familiare, avendolo osservato numerose volte nel corso della sua carriera, e proprio questo suo punto di vista istintivo e viscerale sulla città e i suoi protagonisti è croce e delizia della pellicola.

Valeria Golino in una scena di Per amor vostroLa struttura e i toni del racconto sono quelli del melodramma deteriore, della fiction televisiva più regionale e urlata possibile. Il contesto familiare proposto è costruito su misura per una storia di difficoltà materne che mette tristezza per il suo essere rétro e stereotipata. Per riscattare una materia più furba che brillante, Gaudino dimostra di poter osare soluzioni artistiche e tecniche degne di nota, tra le quali spiccano gli inserti video atti a iniettare improvvisamente colore in un rigido bianco e nero, e la scelta di una colonna sonora variegata, che usa i brani del Quartetto Cetra per dire della protagonista molto più cose di quanto non possano fare gli eccessivi dialoghi.

Valeria Golino e Massimiliano Gallo in Per amor vostroPoi c’è lei, la vera ragion d’essere del film. Valeria Golino sembra essere diretta meglio che in altre occasioni, e di questo bisogna essere grati, perché (come da tradizione melodrammatica) tutta la storia ruota intorno a lei e al suo punto di vista, e una cattiva prova da parte sua avrebbe fatto naufragare completamente l’operazione. Dispiace solo vedere come, per l’ennesima volta in una produzione italiana, il personaggio di una madre in difficoltà veda la sua interprete apparire sempre con i capelli e il trucco in perfetto ordine e in un guardaroba di tutto rispetto. Critiche al divismo a parte, il film di Gaudino si conquista di misura il titolo di migliore italiano tra i quattro in concorso a Venezia 2015, sorpassando anche due nomi sulla carta molto più quotati come Bellocchio e Guadagnino. Peccato che, tra i quattro, sia anche il più conservatore e quello che verrà scordato più in fretta.


La locandina di Per amor vostroTitolo: Per amor vostro
Regia: Giuseppe Gaudino
Sceneggiatura: Giuseppe M. Gaudino, Isabella Sandri, Lina Sarti
Fotografia: Matteo Cocco
Interpreti: Valeria Golino, Massimiliano Gallo, Adriano Giannini, Salvatore Cantalupo, Rosaria De Cicco, Elisabetta Mirra,Daria D’Isanto, Edoardo Crò,Virginia Da Brescia, Roberto Corcione, Massimo De Matteo
Nazionalità: Italia, 2015
Durata: 1h. 49′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre