Stai leggendo:

"Red Eye" di Wes Craven

20 settembre 2005 Recensioni 3 Commenti
Red Eye

Uip, 21 Ottobre 2005 – Interessante

Lisa sta tornando in aereo da Dallas a Miami. Seduto accanto a lei c’è un brillante giovanotto che, appena dopo il decollo, le rivela di essere un terrorista con il compito di uccidere un politico che alloggia nell’albergo dove Lisa lavora. Se Lisa non sposta il politico nella stanza voluta dai terroristi , suo padre morirà…


Cillian Murphy e Rachel McAdams in Red Eye“Red Eye” è il nomignolo con il quale negli Stati Uniti sono chiamati i voli notturni a lunga percorrenza, quelli che ti fanno arrivare a destinazione con gli occhi rossi per la stanchezza di una notte insonne. Se ci si aggiunge la turbolenza dovuta al maltempo, il setting per un film già inquietante in partenza è completo. Non ci sarebbe forse stato bisogno di inserire la tematica del terrorismo, se non per collegare la pellicola alla situazione presente e distanziarla invece dalle altre decine di film ambientati a bordo di un aeroplano in volo.

Rachel McAdams in Red EyeLa sceneggiatura di Carl Ellsworth è comunque brillante ed efficace. La suspense funziona per buona parte della pellicola e a questo non è certo estranea la regia di Wes Craven, che non può però salvare un confuso e poco credibile quarto d’ora finale. I due giovani protagonisti sono decisamente bravi, e se dal Cillian Murphy di 28 giorni dopo e Batman Begins ce lo potevamo aspettare, la bella Rachel McAdams (My name is Tanino, Le pagine della nostra vita) è una vera rivelazione.


La locandina di Red EyeTitolo: Red Eye (Id.)
Regia: Wes Craven
Sceneggiatura: Carl Ellsworth
Fotografia: Robert D. Yeoman
Interpreti: Rachel McAdams, Cillian Murphy, Brian Cox, Jayma Mays, Angela Paton, Laura Johnson, Suzie Plakson, Max Kasch, Jack Scalia, Theresa Press-Marx, Robert Pine, Carl Gilliard, Mary Kathleen Gordon, Loren Lester, Amber Mead
Nazionalità: USA, 2005
Durata: 1h. 25′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 3 commenti a questo articolo:

  1. Marco scrive:

    D’accordissimo con la recensione, anche per i 15 minuti finali che però anche se un tantino prevedibili mantengono bene la suspence. Ottimi i protagonisti.
    Molto buona la regia di Craven, sperando che rimanga su sti livelli e non scenda come gli ultimi suoi film.
    Domande: degli ultimi film di Craven si sa qualcosa? Patrick Lussier è il regista del remake di San Valentino Di Sangue (orribile) ma ha sempre lavorato con Craven nel montaggio? Lo sceneggiatore lo già sentito, che altri film ha sceneggiato?

  2. Alberto Cassani scrive:

    Che io sappia Craven sta girando “Scream 4″. Ce ne ha un altro già pronto che dovrebbe uscire in autunno negli Stati Uniti, da noi non so. Lussier aveva diretto “La profezia” con Christopher Walken, poi “Dracula’s Legacy” (http://www.cinefile.biz/?p=2220) e più qualche robaccia. Come montatore ha fatto molto horror ma non solo di Craven: anche “Mimic” di del Toro, ad esempio. Lo sceneggiatore invece ha lavorato molto per la Tv e di recente ha scritto il remake de “L’ultima casa a sinistra” ma soprattutto “Disturbia” (http://www.cinefile.biz/?p=1171).

  3. Marco scrive:

    Rivisto e ricondivido il mio precedente commento.
    R.I.P. Wes.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.