Stai leggendo:

"Seven Swords" di Tsui Hark

30 agosto 2005 Recensioni 0 Commenti
Seven Swords

Medusa, 2 Settembre 2005 – Prolisso

Nella Cina del 1600 oppressa dal potere imperiale vengono vietate le arti marziali. E’ il via libera per le bande di cacciatori di taglie, in particolare per quella di Vento di Fuoco. Sulla loro strada incontreranno però sette guerrieri armati di Sette Spade favolose, dotate di enormi poteri…


Una scena di Seven SwordsIspirato a un romanzo cinese – I Sette Spadaccini del TianshanSeven Swords, la più recente fatica dell’ormai celebre Tsui Hark può essere collocata come genere tra l’azione, il cinema di cappa e spada, il western e la fiaba, e forse proprio l’appartenenza a tutti questi ambiti è uno dei suoi difetti. Probabilmente, se Tsui Hark avesse limitato le suggestioni e gli spunti il risultato sarebbe stato meno frammentario e più comprensibile.

Una scena di Seven SwordsIl secondo evidente problema del film è infatti quello della difficoltà, per lo spettatore, nel seguire la vicenda che, in particolare all’inizio, si presenta (inutilmente) complessa ed eccessivamente articolata. Tutti i guerrieri sono infatti molto simili tra loro, e la loro personalità non appare ben evidente, tanto che, persino alla fine, lo spettatore si trova a confonderli l’uno con gli altri. I personaggi secondari poi – vedi il caso della spia nemica – sono realmente indistinguibili uno dall’altro, e nella maggior parte dei casi appena abbozzati.

Una scena di Seven SwordsPeccato, perché il film ha d’altra parte molti aspetti degni di nota: l’ottima fotografia, scelte originali nelle inquadrature, i duelli nei quali non si abusa, per una volta, di impossibili scene di volo, i ralenti al punto giusto. Sono interessanti anche gli spunti di riflessione sull’amicizia, la libertà, i conflitti tra Cina e Corea, la fiducia l’uno nell’altro. Probabilmente sarebbe stato sufficiente accorciare la pellicola – che dura ben 135′ – per rendere meno pesante il film e meno evidenti i difetti sopracitati.

Tutto sommato, Seven Swords è un film che merita di essere visto, magari al cinema piuttosto che in Tv, per non perdere l’ottima resa tecnica, ma non aspettatevi molto di più del puro entertainment.


La locandina internazionale di Seven SwordsTitolo: Seven Swords (Id.)
Regia: Tsui Hark
Sceneggiatura: Cheung Chi-sing, Chun Tin-nam, Tsui Hark
Fotografia: Keung Venus
Interpreti: Liwu Dai, Kim So-yeon, Duncan Lai, Leon Lai, Liu Chia-liang, Sun Honglei, Michael Wong, Donnie Yen, Charlie Yeung, Yi Lu, Zhang Jingchu
Nazionalità: Corea del Sud – Hong Kong – Cina, 2005
Durata: 2h. 25′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre