Stai leggendo:

"Contenders - Serie 7" di Daniel Minahan

5 giugno 2001 Recensioni 0 Commenti
Contenders - Serie 7

Lucky Red, 25 Maggio 2001 – Fiacco

Sei normalissimi cittadini statunitensi vengono scelti casualmente per partecipare ad un reality show in cui i concorrenti devono uccidere gli altri per aver salva la vita. La campionessa in carica è incinta di otto mesi, ma è arrivata alla sua settimana puntata…


Marylouise Burke e Glenn Fitzgerald in Contenders - Serie 7Dovunque ci giriamo, ormai, troviamo dei reality show ad attenderci. In Italiano la maggior parte riguarda un gruppo di allegri giovanotti che spendono le loro giornate grattandosi la pancia, negli Stati Uniti ce ne sono diversi che seguono da vicino le imprese di poliziotti o medici. Contenders – Serie 7 prende spunto da questa moda, anche se il regista Daniel Minaham ha cominciato a lavorarci ben sei anni fa, quando i reality non avevano ancora ottenuto il loro boom. Idea non originalissima ma comunque notevole, e in effetti il film ha qualche potenzialità, ma soprattutto per via della decisione di girare tutta l’ora e mezza come se fosse una puntata dello show queste potenzialità vengono tutte sprecate. Il linguaggio televisivo rovina spesso il ritmo del racconto, perché se in Tv le dissolvenze per lanciare lo stacco pubblicitario hanno un senso, sul grande schermo non ne hanno affatto.

Glenn Fitzgerald in Contenders - Serie 7Minahan ha lavorato a lungo per la televisione, prima per il telegiornale della Fox, poi per la sezione documentaristica della BBC. Da buon thirtysomething ha apprezzato molti degli spettacoli di Real-Tv passati, e forse con questo film ha voluto spiegare dove secondo lui sta andando la televisione.

Il regista Daniel Minahan e Brooke Smith in Contenders - Serie 7Il difetto peggiore della pellicola è quello in assoluto più grave: è meno interessante delle trasmissioni che vorrebbe prendere di mira. Nel film non c’è mai un calo di tensione vero e proprio, ma è anche vero che la tensione non sale mai oltre il livello minimo. Questo dipende probabilmente dal fatto che i personaggi non sono abbastanza approfonditi, nonostante siano una bella batteria di varia umanità.

L’unica scena che funziona davvero, anche se non alla perfezione, è quella in cui uno dei “contenders” ne fa fuori un altro a bastonate. Qui una regia diversa, più esperta, più adrenalinica, avrebbe potuto rendere la scena veramente sconvolgente. In teoria quello doveva essere il punto di svolta del film, quello in cui la pellicola smette di intrattenere e si comincia a fare sul serio. Purtroppo ciò che segue non è molto più significativo di quello che è stato mostrato fino a quel momento. La scena finale, poi, risulta addirittura irritante da tanto è insistita.


La locandina di Contenders - Serie 7Titolo: Contenders – Serie 7 (Series 7: The Contenders)
Regia: Daniel Minahan
Sceneggiatura: Daniel Minahan
Fotografia: Randy Drummond
Interpreti: Brooke Smith, Marylouise Burke, Glenn Fitzgerald, Michael Kaycheck, Merritt Wever, Richard Venture, Angelina Phillips, Nada Despotovich, Donna Hanover, Danton Stone, Stephen Michael Rinaldi, Alex Yershov, Jennifer Van Dyck
Nazionalità: USA, 2001
Durata: 1h. 28′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 16 al 18 settembre

  • 1. Alla ricerca di Dory (5.565.727)
  • 2. Trafficanti (879.300)
  • 3. Io prima di te (836.117)
  • 4. L'estate addosso (757.222)
  • 5. Independence Day - Rigenerazione (649.407)
  • 6. The Beatles - Eight Days a Week (582.407)
  • 7. L'era glaciale: In rotta di collisione (485.655)
  • 8. Jason Bourne (267.705)
  • 9. Man in the Dark (239.614)
  • 10. Fuck You Prof! 2 (149.989)