Stai leggendo:

"Frozen" di Adam Green

22 marzo 2011 Recensioni 2 Commenti
Frozen

M2Pictures, 25 Marzo 2011 – Discreto

Tre ragazzi si recano in New England per un’escursione sciistica. Non soddisfatti della giornata, vogliono fare un’ultima discesa prima di andarsene. Sfortunatamente, però, l’addetto agli impianti si dimentica di loro e rimangono bloccati sulla seggiovia a decine di metri dal suolo…


Emma Bell e Shawn Ashmore in FrozenNeanche il tempo di congedarci dal claustrofobico Buried che già veniamo sopraffatti da un altro survival-movie allo stato puro appena sfornato dal prolifico calderone del Sundance Film Festival, reo di aver procurato fama e gloria a decine di altre opere dello stesso stampo, come Open Water e il già citato film dello spagnolo Rodrigo Cortés. Ancora una volta ci troviamo davanti ad allegri teen-ager che, per una ragione o per l’altra, si vedono costretti a dover combattere contro la malvagità della natura per salvare se stessi. E se a incutere terrore questa volta non sono né gli abissi né le casse sepolte sottoterra, ci pensano le montagne del New England (anche se, in realtà, il film è girato nello Utah) a ostacolare la strada ai nostri giovanotti.

Una scena di FrozenGià autore dell’apprezzato dittico Hatchet, Adam Green mette in scena una storia che abbonda di cliché e che non potrebbe essere più scontata, sicuramente degna dei più deprimenti teen-movie visti negli ultimi anni. Ma al regista del Massachusetts va comunque riconosciuta una certa dimestichezza nel creare e gestire un notevole livello di tensione e nel muovere accuratamente la macchina da presa, indugiando spesso sui particolari macabri e ponendo altresì in risalto le suggestive atmosfere. Ne scaturisce un prodotto in grado di sorprendere piacevolmente e con diverse sequenze visivamente potenti, che trovano un ulteriore punto d’appoggio nella valida colonna sonora, altro fondamentale aspetto che ovvia alla poca originalità dello script.

I tre protagonisti (l’unico abbastanza famoso è Kevin Zegers, visto soprattutto in Transamerica) non eccelleranno in simpatia e intelligenza, ma sono comunque molto meno irritanti della maggior parte di adolescenti imbesuiti che tanto piacciono oggigiorno.


La locandinaTitolo: Frozen (Id.)
Regia: Adam Green
Sceneggiatura: Adam Green
Fotografia: Will Barratt
Interpreti: Emma Bell, Shawn Ashmore, Kevin Zegers, Ed Ackerman, Rileah Vanderbilt, Kane Hodder, Adam Johnson, Chris York, Peder Melhuse, Will Barratt, Adam Green, Joe Lynch
Cody Blue Snider

Nazionalità: USA, 2010
Durata: 1h. 33′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 2 commenti a questo articolo:

  1. Andrea scrive:

    Film con una buona tensione. Alcuni dialoghi sono aggiunti solo per allungare il brodo alla fatidica ora e mezza.
    Stupisce la poca intelligenza dei protagonisti, non tanto per il modo nel quale rimangono intrappolati ma per come cercano di uscirne.

  2. Marco scrive:

    Concordo con la recensione soprattutto per i pareri positivi. Buon film.
    Personalmente piaciuto di più di Open Water, Buried e 127 Ore.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre