Stai leggendo:

"Io sono con te" di Guido Chiesa

4 novembre 2010 Recensioni 0 Commenti
Io sono con te

01 Distribution, 19 Novembre 2010 – Sospeso

La vita di Maria di Nazareth prima della nascita di Gesù, a sfidare le tradizioni e le oppressioni della sua famiglia, e dopo aver partorito, a sfuggire a Erode e a vivere una maternità complicata dal carisma del proprio figlio…


Mustapha Benstiti e Mohamed Idoudi in Io sono con teCome è finito Guido Chiesa – autore politicamente schieratissimo, regista di Il partigiano Johnny e Lavorare con lentezza – a dirigere la Natività e la vita della Madonna e del piccolo Gesù? La risposta sta nell’innovativo progetto alla base del suo nuovo film (in concorso al Festival di Roma), ossia raccontare la vita della Sacra Famiglia senza misticismi, in modo laico e fortemente realistico. Col risultato che il programma si mangia un film altrimenti molto affascinante.

Rabeb Srairi in Io sono con tePiù che dramma umano, familiare, storico e religioso, il film sembra una parabola sociale e politica sull’emancipazione della donna e sulla forza dei legami che però, a stringere, manca di coerenza. Infatti, il film per tutta la prima parte sembra ricalcare molto cinema iraniano nella descrizione di una ruralità – nell’anno 0 come oggi – che si riflette su usi e costumi ma soprattutto sui valori, a riflettere su come, per generare un figlio “rivoluzionario” anche i genitori debbano necessariamente aver rotto più di una regola. Poi, però, prende una strada più tradizionale, raccontando la pubertà di Gesù e la crescita dei suoi ideali. Chiesa è rispettoso e “gentile”, ha tatto nell’approcciarsi ai personaggi e a dare un taglio femminista al progetto, ma gli fa difetto un andamento troppo tentennante e una costruzione in cui il succo, se non viene a mancare, a faticoso da comprendere.

Nadia Khlifi in Io sono con teE’ un peccato, perché la sceneggiatura aveva le carte in regola per piacere a un pubblico non credente, ma si perde in una serie di scene slegate, di bozzetti che non diventano mai quadro e che impediscono alla regia curata, elegante, efficace di arrivare al vero cuore del film. Che però ha l’innegabile pregio di allontanarsi dall’agiografia stile Lux/Rai e lo dimostra la scelta di un cast atipico, dai volti rocciosi, in cui fa solare macchia il viso sorridente e perfetto di Nadia Khlifi.


La locandina di Io sono con teTitolo: Io sono con te
Regia: Guido Chiesa
Sceneggiatura: Nicoletta Micheli, Guido Chiesa, Filippo Kalomenidis
Fotografia: Gherardo Gossi
Interpreti: Nadia Khlifi, Rabeb Srairi, Mustapha Benstiti, Ahmed Hafiene, Mohamed Idoudi, Fadila Belkebla, Djemel Barek, Carlo Cecchi, Giorgio Colangeli, Fabrizio Gifuni, Jerzy Stuhr
Nazionalità: Italia, 2010
Durata: 1h. 42′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre