Stai leggendo:

"Ocean's 13" di Steven Soderbergh

5 giugno 2007 Recensioni 0 Commenti
Ocean's 13

Warner, 8 Giugno 2007 – Simpatico

Willie Bank è un losco uomo d’affari di Las Vegas responsabile dell’infarto che ha colpito Reuben. Il gruppo dei ladri capitanati da Danny Ocean architetta allora un piano per rovinarlo…


Casey Affleck, Scott Caan, Bernie Mac, Brad Pitt, George Clooney e Don Cheadle in piedi alle spalle di Eddie Jamison, Carl Reiner, Elliott Gould, Matt Damon e Shaobo Qin in una scena di Ocean's 13Terzo e ultimo capitolo della serie ispirata al Colpo grosso di Frank Sinatra e soci, Ocean’s 13 ritrova un po’ di quella verve che aveva reso il film del 2001 un brillante divertissement e che nel secondo episodio si era purtroppo trasformata in sterile compiacimento. E’ evidente in ogni scena come anche questa volta i realizzatori del film non si siano presi troppo sul serio e abbiano pensato a divertirsi, ma è chiaro che – consci del cattivo risultato artistico di Ocean’s Twelve – si siano posti il problema di divertire anche il pubblico. Il difetto di questo Ocean’s 13 può essere però l’alto numero di riferimenti ai due capitoli precedenti, cosa che rende la visione pienamente soddisfacente solo a chi li ha visti e se li ricorda a sufficienza, ma per il resto è sicuramente una commedia leggera ed elegante, riuscita quasi al meglio delle sue possibilità.

Willy Bank è uno degli imprenditori più di successo di Las Vegas. Si prepara ad aprire il suo nuovo, megagalattico, casinò, ma per per ottenerne la piena proprietà ha truffato il suo socio per l’occasione Reuben Tishkoff, che nel vedersi escluso dall’affare finisce per avere un infarto e ritrovarsi in fin di vita sdraiato in un letto. Ma Reuben è il mentore di Danny Ocean e di tutta la sua banda, e pur di vendicarlo sono tutti pronti a finire sul lastrico. L’idea è di rovinare l’inaugurazione del nuovo casinò di Bank e costringerlo alla bancarotta, ma è tutt’altro che semplice visti i sistemi di protezione all’avangiardia installati nel palazzo…

Al Pacino e Ellen Barkin in Ocean's 13Steven Soderbergh dirige il film con lo stile fluido che si addice alla storia, e per la prima volta in carriera prova anche a giocare con gli effetti digitali, allo stesso modo del David Fincher di Fight Club o più di recente del Marc Forster di Vero come la finzione. E non strafà, perché da bravo direttore di attori qual è sa quanto spazio lasciare al glamour che accompagna un film come questo, senza distrarre lo spettatore da ciò che ha pagato per vedere. E se ormai Al Pacino comincia a fare un po’ la macchietta di se stesso, George Clooney e Brad Pitt sono brillantissimi. In effetti tutti i tredici di Ocean ci offrono ottime interpretazioni, l’unica nota stonata è una Ellen Barkin rifattissima, che sembra non avere proprio nulla a che fare con un film come questo. Per il resto, un film piacevolissimo. Basta non avere troppe pretese.


La locandina statunitense di Ocean's 13Titolo: Ocean’s 13 (Id.)
Regia: Steven Soderbegh
Sceneggiatura: Brian Koppelman, David Levien
Fotografia: Peter Andrews (alias Steven Soderbergh)
Interpreti: Brad Pitt, George Clooney, Matt Damon, Al Pacino, Elliott Gould, Eddie Jemison, Don Cheadle, Shaobo Qin, Casey Affleck, Scott Caan, Bernie Mac, Carl Reiner, Eddie Izzard, Ellen Barkin, Andy Garcia, David Paymer, Vincent Cassel
Nazionalità: USA, 2007
Durata: 2h. 02′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre