Stai leggendo:

Jerry Maguire di Cameron Crowe

17 novembre 2003 Recensioni 0 Commenti
Jerry Maguire

Columbia, 7 Marzo 1997 – Patinato

Jerry Maguire è un procuratore sportivo che, in seguito al grave infortunio di un suo assistito, scopre nuovi valori e nuove convinzioni morali. La cosa gli fa perdere tutti i clienti tranno uno, un giocatore di football megalomane…


Cuba Gooding Jr e Tom Cruise in Jerry MaguireCon Jerry Maguire il regista e sceneggiatore Cameron Crowe riaccende i riflettori sul sempre attraente e variegato mondo del football professionistico, ma lo fa badando bene ad illuminarlo di una luce inedita, del tutto particolare, che consente a Jerry Maguire di distinguersi abbastanza nettamente da quella schiera, ormai piuttosto folta, di film che si sono cimentati con la stessa ambientazione sportiva.

Un aspetto interessante da questo punto di vista è certamente la componente della managerialità che qui si mischia con quella, più classica, del gioco nudo e crudo, rispetto alla quale si può dire la prima arriva ad assumere un ruolo predominante considerando quella che è la messa in scena complessiva. Tuttavia, la connotazione distintiva fondamentale propria di questa pellicola deriva dal ruolo ricoperto proprio dall’ambiente del football che, pur essendo il teatro vero e proprio della vicenda, non ne è il vero protagonista.
Kelly Preston e Tom Cruise in Jerry MaguireAl di là delle vicissitudini che toccano i vari personaggi e del rapporto giocatore-procuratore, protagonisti veri sono i “buoni sentimenti”, esaltati – occorre dire: brillantemente – in ogni scena madre. L’intento di fondo non è tanto quello di mostrare particolari aspetti inediti od occulti del suddetto sport, in primo piano vengono costantemente messe le componenti affettive, sentimentali – sempre enfatizzate come si conviene – che stanno alla base di ogni azione compiuta dai personaggi. Il “sapore” di questo film è totalmente diverso da quello, più forte e ruvido, di un’opera come Ogni maledetta domenica, realistico omaggio firmato Oliver Stone a quel gioco infernale che è il football americano. Si tratta, appunto, di due modi diametralmente opposti di ritrarre lo stesso soggetto.

Tom Cruise e Jonathan Lipnicki in Jerry MaguireLe componenti filmiche sopra citate, unite alla lucida fotografia – tripudio di colori brillanti e inquadrature luminose – fanno ricadere Jerry Maguire in quella categoria di film, come si suol dire in gergo cinematografico, “patinati”, definizione che non sempre è intesa essere un complimento al regista per il suo operato. In questo caso specifico, però, la formula funziona. Merito soprattutto della sceneggiatura che, pur seguendo uno sviluppo piuttosto mirato e “conveniente”, è altresì ricca di momenti brillanti, dialoghi efficaci e ottime battute (il “show me the money!” che fuoriesce a intervalli regolari dalla bocca di Tidwell/Gooding Jr è ormai un cult negli Stati Uniti). Anche se i sentimentalismi vengono avvertiti come in sovrannumero, Crowe si dimostra ben abile nel gestire anche le atmosfere più melense in modo da non renderle mai realmente fastidiose. Un plauso doveroso all’autore, dunque, ma nella stessa misura anche agli attori.

Tom Cruise e Renée Zellweger in Jerry MaguireSemplicemente perfetto nella parte Cuba Gooding Jr, che con questo film ha pescato dal mazzo il ruolo fatto su misura per le sue doti, un ruolo che gli calza addosso come un guanto e che gli ha permesso di andare a ritirare l’inaspettato (ma meritato) Oscar come miglior attore non protagonista, vinto battendo in volata lo stupefacente Edward Norton di Schegge di Paura. Una performance, quella dell’attore afroamericano, che proprio per le circostanze in cui è scaturita difficilmente potrà trovare replica nelle sue interpretazioni future. Nomination, questa volta come miglior attore protagonista, anche per un Tom Cruise alle prese con uno dei suoi ruoli migliori. Il suo tipico stile di recitazione qui si sposa perfettamente con le esigenze del personaggio del procuratore sportivo. Decisamente molto brava anche Renée Zellweger, perfettamente a suo agio nei panni del love interest del protagonista.

Renée Zellweger e Bonnie Hunt in Jerry MaguirePur non essendo il miglior lavoro di Cameron Crowe (titolo che spetta ad Almost Famous), non sorprende affatto che Jerry Maguire sia, fra quelli realizzati dal regista, quello che, anche in virtù di caratteristiche intrinseche favorevoli, ha ottenuto maggior gloria, soprattutto a livello di penetrazione nell’immaginario collettivo. Un film, in definitiva, “riuscito”, il cui successo è stato scandito da cinque nomination all’Oscar, fra le quali non è mancata la più prestigiosa: quella per il miglior film.


La locandina di Jerry MaguireTitolo: Jerry Maguire (Id.)
Regia: Cameron Crowe
Sceneggiatura: Cameron Crowe
Fotografia: Janusz Kaminski
Interpreti: Tom Cruise, Cuba Gooding Jr, Renée Zellweger, Kelly Preston, Jerry O’Connell, Jay Mohr, Bonnie Hunt, Regina King, Jonathan Lipnicki, Todd Louiso, Mark Pellington, Jared Jussim, Jeremy Suarez, Benjamin Kimball Smith, Ingrid Beer
Nazionalità: USA, 1996
Durata: 2h. 59′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.