Stai leggendo:

L'uomo che amava le donne di François Truffaut

21 novembre 2003 Recensioni 1 Commento
L'uomo che amava le donne

Medusa, 28 Luglio 1979 – Appassionato

«Le gambe delle donne sono dei compassi che misurano il globo terrestre in tutte le direzioni, donandogli il suo equilibrio e la sua armonia», usava dire Bertrand Morane. Per tutta la vita è stato ossessionato e guidato dal fascino delle donne, e di certo gli sarebbe piaciuta la vista di tante paia di belle gambe al suo funerale…


Nato dalla volontà di lavorare nuovamente con Charles Denner dopo La sposa in nero e Mica scema la ragazza!, ma soprattutto di mettere insieme tutte le attrici francesi con le quali avrebbe voluto lavorare, L’uomo che amava le donne è forse il film più autobiografico tra quelli di Truffaut che non appartengono al ciclo di Antoine Doinel.

Grazie anche alla collaborazione in fase di sceneggiatura da parte di Suzanne Schiffman (e Michel Fermaud), i già splendidi personaggi femminili tipici dei film di Truffaut acquistano qui un’intensità decisamente fuori del comune. D’altra parte, avendo al centro del racconto sempre lo stesso personaggio maschile, era assolutamente necessario riuscire a costruirgli intorno un universo femminile di grande impatto. Tanto più che questo film, e di conseguenza l’autobiografia che Bertrand scrive, è quasi una dichiarazione d’amore a tutte le donne del mondo.

Raccontato come un lungo flashback a partire dal funerale del suo protagonista, il film propone momenti di ulteriore ricerca biografica con sequenze che raccontano del rapporto di Bertrand bambino con la madre. Una madre che ha più di un punto di contatto con quella di Antoine Doinel, a confermare ancora una volta la forte componente autobiografica della pellicola. Ma è soprattutto grazie alle parole della voce fuori campo – sia quella ripresa dal libro di Bertrand che quella della sua editrice che ci presenta il film – che la pellicola sviluppa la sua componente “sociologica”, regalandoci perle di saggezza a proposito del rapporto tra i due sessi con parole che non è facile dimenticare.


La locandina di L'uomo che amava le donneTitolo: L’uomo che amava le donne (L’homme qui aimait les femmes)
Regia: François Truffaut
Sceneggiatura: François Truffaut, Suzanne Schiffman, Michel Fermaud
Fotografia: Néstor Almendros
Interpreti: Charles Denner, Brigitte Fossey, Nelly Borgeaud, Geneviève Fontanel, Leslie Caron, Nathalie Baye, Valérie Bonnier, Jean Dasté, Sabine Glaser, Henri Agel, Chantal Balussou, Nella Barbier, Anne Bataille, Martine Chassaing, Ghylaine Dumas
Nazionalità: Francia, 1977
Durata: 2h.


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente c'è 1 commento a questo articolo:

  1. […] “L’uomo che amava le donne” di François Truffaut | CineFile23 feb 2012 … Gonfiore alle gambe, se non anche alle mani, che coglie soprattutto durante la gravidanza. E poi c’è la cellulite… […]

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.