Stai leggendo:

“Io non sono qui” di Todd Haynes

5 settembre 2007 Recensioni 0 Commenti
Davide Bersanetti, 5 Settembre 2007: Cubista
Bim, 7 Settembre 2007

Le vicende di sei personaggi, ognuno dei quali rappresenta un aspetto diverso della vita e della musica di Bob Dylan. Dylan agli inizi della sua carriera come cantante folk, la conquista del successo nei primi anni ’60, la controversa svolta verso il rock, l’incidente di moto e…


Io non sono qui. Affermazione quantomeno provocatoria, se usata per intitolare un film biografico. La provocazione diviene piuttosto una messa in guardia, quando ci si addentra nel film e si scopre che di protagonista non ce n’è uno ma sei, che questi si susseguono in maniera non consequenziale, che non necessariamente all’attore che interpreta il protagonista da giovane segue quello che lo rappresenta in età matura e… Poi, quasi a voler fiaccare chi non ha ceduto fino ad allora, vediamo che uno dei sei impersonanti è pure una donna (la Cate Blanchett che meriterebbe un premio per come ben interpreta la sua fetta di protagonista). E il protagonista, non l’abbiamo ancora detto, è Bob Dylan.

Insomma un bella scommessa quella di cui si è fatto carico Todd Haynes, ed una scommessa vinta, visto che i termini della sfida erano: rappresentare una leggenda vivente della musica rock contemporanea, una persona, un musicista ed un’artista che ha fatto della molteplicità e della mutevolezza il filo conduttore della propria carriera, e farlo senza essere incensanti, agiografici, banalmente spiegatorii. Evitare insomma i difetti tipici del 98% dei vari biopic che di norma sono più simili, tanto negli intenti che nei risultati, ad una fiction su Padre Pio piuttosto che al tentativo di raccontare quella cosa assolutamente complessa, multiforme, fatta di pregi e difetti che è generalmente un Artista degno della maiuscola. Haynes sceglie quindi una rappresentazione poliedrica e sfaccettata di una persona che è senza dubbio poliedrica e sfaccettata, invece di cedere alla tentazione di rappresentarci un quadro figurativo della situazione. Anzi, fa dell’intera “situazione” un quadro, ma un quadro cubista. Un po’ più difficile da afferrare che non una foto tessera, ma ben fatto e saturo di soddisfazione.

Belle le musiche, ma questo è ovvio, belle le soluzioni di regia, l’estetica visiva che alterna bianco e nero e colore, ma Haynes ci sa fare. Bravi gli attori. E alla fine l’unica cosa su cui si può dissentire è sul titolo. Non è vero che «I’m not there». Ci sei eccome.


Titolo: Io non sono qui (I’m Not There)
Regia: Todd Haynes
Sceneggiatura: Todd Haynes, Oren Moverman
Fotografia: Edward Lachman
Interpreti: Christian Bale, Cate Blanchett, Richard Gere, Heath Ledger, Marcus Carl Franklin, Ben Whishaw, Charlotte Gainsbourg, Bruce Greenwood, Julianne Moore, Benz Antoine, Shaun Balbar, Mark Camacho, Joe Cobden, David Cross
Nazionalità: USA, 2007
Durata: 1h. 35′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre