Stai leggendo:

“The Company” di Robert Altman

17 marzo 2004 Recensioni 3 Commenti
CineFile

Medusa, 26 Marzo 2004 – Coinvolgente

Il direttore del Joffrey Ballet è un tipo gentile ma inflessibile, eccentrico ma carismatico. Per lui conta solo una cosa: la Compagnia. La protagonista del nuovo spettacolo si mantiene facendo la cameriera ed è appena stata mollata dal fidanzato, ma con questa occasione la sua vita sembra rimettersi sulla strada giusta…


Neve Campbell e Malcolm McDowell in una scena di The CompanyThe Company è certamente un film che appartiene più a Neve Campbell che non a Robert Altman. La protagonista di Scream, infatti, era entrata nella National School of Ballet del Canada all’età di 9 anni, ottenendo anche ruoli importanti prima di iniziare a recitare per la Tv. Partendo da un suo soggetto (parzialmente autobiografico, tra l’altro), la Campbell ha fatto scrivere la sceneggiatura all’autrice dello script di Pollock e ha parzialmente prodotto il film, la cui direzione è stata affidata a Robert Altman, che in effetti sembra essere il regista più indicato per un progetto simile. Altman, però, non dà l’impressione di essere particolarmente interessato a rendere suo il film, limitandosi a riprendere in maniera anonima le sequenze di raccordo tra un balletto e l’altro e caratterizzando le scene di danza con una regia statica e raramente ispirata.

Una scena di The CompanyEppure, The Company è un ottimo prodotto. Grazie anche alle belle musiche di Van Dyke Parks, che a tratti riecheggiano anche composizioni di Walter Carlos e Angelo Badalamenti, e alle curiose coreografie che caratterizzano i balletti, il film riesce a regalarci alcune sequenze realmente emozionanti. Purtroppo non sempre la sottile sceneggiatura di Barbara Turner sa essere efficace nella costruzione dei personaggi e nello sviluppo della trama, e Malcolm McDowell è l’unico che brilla nelle parti recitate, ma è chiaro già dal look “documentaristico” della pellicola che l’intento dei filmmaker era quello di raccontare nel modo più realistico possibile il dietro le quinte di uno spettacolo di danza sperimentale. E nonostante la buona riuscita globale, solo a chi è interessato all’argomento potrà piacere il prodotto finito.


La locandina di The CompanyTitolo: The Company (Id.)
Regia: Robert Altman
Sceneggiatura: Barbara Turner
Fotografia: Andrew Dunn
Interpreti: Neve Campbell, Malcolm McDowell, James Franco, Barbara Robertson, William Dick, Susie Cusack, Marilyn Dodds Frank, John Lordan, Mariann Mayberry, Rick Peeples, Yasen Peyankov, Lar Lubovitch, Robert Desrosiers, Charthel Arthur
Nazionalità: USA – Germania, 2003
Durata: 1h. 52′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 3 commenti a questo articolo:

  1. ho notato che in questo sito non mettete le recensioni dei film cinepanettoni sia quelli piu vecchi e quelli piu recenti.
    come mai cassani?
    non ti piacciono alberto?
    comunque io li guardo per farmi due risate e divertirmi anche perchè quando li vedo passa una bella serata di divertimento.
    è chiaro che a questi non film non si richiede molto,non saranno film capolavori o impegnativi ma il cinema è anche questo però
    ieri infatti ho visto natale a new york e dopo natale in crociera.l’hai visti cassani?
    che ne pensi?

    comunque rimanendo su questa pagina che parla di robert altman io sto per vedere in dvd gosford park.
    l’hai visto cassani?
    cosa ne pensi di questo film,uno degli ultimi diretti da altman prima di morire?

  2. ho appena finito di vedere gosford park
    il film è interessante ma è anche un po lento,ti coinvolge di piu dopo l’omicidio.
    anche se non ho capito per bene molto,visto che i personaggi sono tanti ed è difficile ricordarsi i nomi e se hanno parentela fra di loro ed altro ancora.
    comunque se non sbaglio l’assassino è stato il maggiordomo?
    o clive owen che dice che l’ha accoltellato?
    o è stata helen mirren?
    comunque il finale non l’ho capito molto,se me lo spiegate!!!

  3. Alberto Cassani scrive:

    Non recensiamo i cinepanettoni perché non ci sarebbe modo di convincere uno spettatore a vederlo o non vederlo se ha già deciso altrimenti. In più, di questi film non fanno le anteprime riservate alla stampa e a quel punto recensirli dopo la loro uscita, dovendoci anche pagare il biglietto, non val proprio la pena…

    Gosford Park a me non è piaciuto gran che, ma in generale non sono un amante del cinema di Robert Altman. E a dir la verità non mi ricordo assolutamente chi era l’assassino… Se sei in grado di leggere tranquillamente in inglese, qui http://www.themoviespoiler.com/Spoilers/gosfordpark.html c’è il racconto dettagliato del film, finale compreso.

    Comunque, Giuseppe: cerchiamo di intavolare le varie discussioni nelle pagine giuste, per evitare confusione. Su CineFile abbiamo la recensione di Gosford Park, le domande su quel film sarebbe meglio farle lì. Così come per altri film di cui abbiamo la recensione.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre