Stai leggendo:

Soundtrack: "Spectre" di Thomas Newman

23 novembre 2015 Recensioni 0 Commenti
007 - Spectre

Massimo Privitera, in collaborazione con Colonne Sonore* * ½

Dopo la canzone dei titoli di testa più raccapricciante della storia del James Bond cinematografico, Thomas Newman compone una partitura chiaramente debitrice al lavoro fatto da lui stesso per Skyfall tre anni fa, e in generale che dà l’impressione di essere già sentita e poco ispirata…


Due premesse sono doverose: la prima che dall’era bondiana cine-musicale di John Barry non vi sono state (quasi) più colonne sonore per 007 memorabili, con quella carica melodica ed energia compositiva dirompente e ammaliante (forse solo David Arnold è riuscito nell’impresa ardua di avvicinarsi ai livelli barryani, ma forse). La seconda che Spectre è il testamento bondiano, perché questo 24° 007 è la summa di tutti i Bond del passato e del presente – nel bene e nel male – chiudendo un cerchio narrativo aperto con Casinò Royale (dopo Skyfall il più bello del ciclo con Craig) e proseguito con Quantum of Solace, contenente tutte le psicologie, derive, citazioni, dialoghi, azioni e caratterizzazioni dell’universo dell’agente segreto con licenza di uccidere più famoso nel mondo. In Spectre vi sono riferimenti espliciti e appassionati, in particolar modo nelle sequenze d’azione, ai film migliori della lunga saga di 007, a partire da Dalla Russia con amore passando per Goldfinger e Al servizio segreto di sua Maestà per finire con quelli di Roger Moore (Bersaglio mobile) con una delle scene “gunbarrel” più esaltanti e adrenaliniche che si siano mai viste nella filmografia di James Bond, girata in parte in piano sequenza (omaggiante Vivi e lascia morire) a Città del Messico durante il Giorno dei Morti, che fa presagire un grande, ennesimo, film di Bond. Invece…

La musica di Thomas Newman è chiaramente debitrice del precedente Skyfall ma non impattante e tragica come quella. In effetti, forse Newman non è stato una delle migliori scelte per commentare musicalmente le ultime due gesta bondiane, sebbene il suo sodalizio con Mendes abbia sempre dato ottimi risultati (sentire Era mio padre su tutti) e comunque per Skyfall la sua impronta drammaturgica compositiva era stata, anche nelle pagine d’azione, molto valida e aderente. Non che non lo sia anche in questo Spectre, però tutto risuona già sentito e poco ispirato. Ma andiamo per gradi, non dimenticando un’altra considerazione fondamentale in un film di James Bond: la canzone dei titoli di testa di Sam Smith è una delle più raccapriccianti della storia delle song per 007.
“Los muertos vivos estan” apre la score newmaniana con ritmiche sudamericane (commenta la scena gunbarrel) dei Tambuco e il tema stranoto di Monty Norman che serpeggia sottilmente tra le pieghe del pentagramma per presentarci Bond-Craig che si aggira tra i festanti (una notevole scena di massa) in cerca della sua prossima vittima. “Vauxall Bridge” è puro “Newman Style” con il suo incedere drammatico tra ritmiche soffuse e archi ondeggianti e un flauto che accenna un temino che sembra essere quello di Bond ma camuffato e sinuoso.
Thomas Newman è un raffinato cesellatore di suoni, le sue armonie e timbriche sono architetture sonore particolari che solo un ascolto attento in cuffia può renderle evidenti e intriganti: questo lo si denota dal tema corale e liturgico su ritmi frenetici e sintetismi tensivi della visione di Roma in “The Eternal City” con una chiusa orrorifica tra sospensioni e un tappeto d’archi semiaccennato e angoscioso (adesso l’organizzazione criminale mondiale della Spectre fa il suo ingresso in una sequenza alla Eyes Wide Shut dell’orgia satanica). “Donna Lucia” inizia su un suono synth ricco di tensione che si stempera nel tema d’amore tra Bond e l’italiana appena diventata vedova con un morbido e suadente motivo che ricorda qualche passaggio di American Beauty: breve ma intenso! “A Place Without Mercy” è il primo movimento d’azione dello score con archi ondivaghi, ottoni marcanti l’adrenalina ma troppo breve per essere impattante, cosa che invece lo è il successivo “Backfire”, che rammenta non poco le pagine al fulmicotone di Don Davis per la trilogia di Matrix, con l’orchestra e la sezione ritmica in una corsa frenetica, a rotta di collo sul tema normaniano mescolato e shakerato, e un coro (London Voices) e gli ottoni che glorificano un inciso eroico davvero affascinante, con finale del tema di 007 accennato dal flauto (egregie le orchestrazioni di J.A.C. Redford). “Crows Klinik” gioca sulle ritmiche (onnipresenti in questa partitura, ma come farne a meno in un film di pura azione) e sugli archi che presentano un tema arioso su base tensiva. “The Pale King” esplode con un tema prepotente per archi e ottoni che subito si smorza in un lungo e atmosferico, tra sottigliezze da scary music, momento di scoperta e di confronto con uno storico rivale in decadenza.
“Madaleine” per Newman, tra arpe e archi morbidi, è la figura dolce e al contempo tragica di un mondo di cattivi e spie in disfacimento; un bel Leitmotiv intriso di predestinazione ma non eccelso come quelli scritti per le bond girl di Skyfall. “Kite in a Hurricane” è musica di commento, giocata sulla tensione sintetica, sul rumore ancestrale degli archi tirati e di effetti angoscianti e taglienti con un inciso da film dell’orrore. “Snow Plane” che cita a piene mani tutte le sequenze di inseguimento sulla neve dei migliori 007 è il pezzo più sorprendente di tutta la partitura: un ostinato tra ritmiche e archi infuocati su ottoni esplosivi (la direzione dell’orchestra di Newman è pregevole) che via via deflagra in un turbinio compulsivo di quelli che ti trascinano corporalmente nell’azione insieme a Bond (probabilmente a un attento ascolto questo brano risulta debitore di tanta odierna musica action televisiva, però la sua carica vitalizzante è davvero trascinante). “L’Americain”, altra traccia imperniata sulla tensione e ricerca di un indizio che sveli l’arcano che poi così arcano non è, è un brano dall’andamento africaneggiante (siamo a Tangeri) con ondulazione timbriche. “Secret Room” gioca anch’esso sullo svelamento di una trama senza veri colpi di scena, con un piano mesto (lo stesso Newman) che si incunea tra strumenti etnici e archi soffici in controcanto, sino a un pulsante ritmo etnico pop che scompone il puzzle così poco intricato a dire il vero. “Hinx” è una pagina tensivamente compulsiva e in crescendo tra archi, ottoni ribattuti. “Writing’s on the Wall (Instrumental)” è la versione solo musica della canzone dei titoli di testa che commenta la scena d’amore appassionata tra Bond e Madeleine, e la si può finalmente ascoltare non rovinata dalla voce scheccante di Sam Smith in un arrangiamento degno dei film bondiani ad opera di Simon Hale. “Silver Wraith” è traccia di puro commento senza infamia e senza lode; “A Reunion” è agghiacciante nella sua gelida e asettica configurazione sonora, con un breve accenno tematico quasi a voler dare una forma al cattivo del film.
“Day of the Dead”, che rompe la cronologia della partitura rispetto a quella filmica, composto da Newman su parole di Bill Bernstein e dei Tambuco, è allegoria messicana ritmica. “Tempus Fugit” salva la vita a Bond in una sarabanda musicale in crescendo tra orchestra, elettronica ed evoluzioni psichedeliche sintetiche. “Safe House”, bella pagina iniziale action in cui gli archi primeggiano su tutto il resto per poi diventare cedevole e sottolineante la risoluzione della storia con finale esplodente: in ogni caso Newman si dimostra buon tessitore orchestrale e ritmico. “Blindfold” energeticamente incalzante descrive un’imboscata che i colleghi di Bond cercheranno di sventare. “Careless” fa cadere Newman nello zimmerismo più scontato e troppo simile a tanti score per serie Tv come 24 et similia. “Detonation” e “Westminster Bridge” descrivono la resa dei conti tra Bond e il cattivo di turno e Thomas Newman si ingegna in un susseguirsi di momenti di alta tensione con archi in levare e ottoni deflagranti al calor bianco dove si può benissimo visualizzare il countdown tra le increspature del pentagramma con l’interpolazione del tema di Monty Norman che urla vendetta (tema che a dire il vero nel CD non viene mai sviluppato appieno ma che nella pellicola si ascolta nel suo arrangiamento più classico, quello geniale di John Barry). “Out of Bullets” penultimo pezzo prima di “Spectre (End Title)”, che chiude l’album con una sorta di ricapitolazione degli spunti tematici della score tra mistero e garbo, è il faccia a faccia finale in cui si accenna al tema d’amore di Lèa Seydoux e delicatamente si prospetta il prosieguo della vita di Bond. Una partitura non memorabile che si lascia ascoltare velocemente e che si dimentica con altrettanta velocità.


La copertina del CD di 007 SpectreTitolo: Spectre (Id.)

Compositore: Thomas Newman

Etichetta: Decca Records, 2015

Numero dei brani: 26

Durata: 63′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre