Stai leggendo:

"The Jacket" di John Maybury

29 marzo 2005 Recensioni 0 Commenti
The Jacket

IIF, 1 Aprile 2005 – Psichedelico

Colpito alla testa in guerra, Jack soffre di amnesia ricorrente. Accusato di omicidio, finisce in ospedale psichiatrico legato con una camicia di forza e chiuso per ore in un loculo dell’obitorio. Lì dentro, Jack rivede dei flash della sua vita passata, fino a quando non comincia ad immaginarsi di essere in tutt’altro luogo…


Adrien Brody in The JacketSi presenta come un thriller dai risvolti sovrannaturali, questo The Jacket, primo film hollywoodiano dell’inglese John Maybury. Ma anche se gli elementi tipici del genere sembrano esserci tutti, il regista ci tiene a precisare di aver realizzato una storia d’amore sullo sfondo di un’altra prigione di Abu Ghraib. E non c’è dubbio che il sottotesto non troppo nascosto di questa pellicola sia tutt’altro che accessibile al pubblico cui il marketing lo indirizza.

Keira Knightley e Adrien Brody in The JacketDel Maybury regista si ricordano soprattutto Love is the Devil – biografia filmica del pittore Francis Bacon – e il video di Sinead O’Connor Nothing Compares 2U, ma per 25 anni è stato attivo nel cinema sperimentale oltreché nella pittura d’avanguardia. Qui ripropone parte della sua verve visiva – grazie anche al fotografo abituale di David Lynch e ad effetti speciali che riecheggiano Stan Brackhage – per riflettere sull’ambiguità delle intenzioni e delle azioni umane e forse sulla stessa cultura psichedelica degli anni Sessanta. Non è probabilmente un caso che la versione originale della sceneggiatura di Marc Rocco fosse ambientata negli anni immediatamente successivi al Vietnam, prima che Massy Tadjedin la riscrivesse ambientandola ai giorni nostri e cambiandone molti particolari. Ma cosa fosse nelle intenzioni iniziali degli autori resterà probabilmente un mistero, perché per volontà del regista venti pagine dello script di Tadjedin non sono mai state girate e un’ora e venti minuti di film sono rimasti sul pavimento della sala montaggio.

Il regista John Maybury con Adrien Brody sul set di The JacketCiò che arriva fino a noi è un piccolo ma ben riuscito film, che parte da un’idea ormai trita ma ancora intrigante. Un film di livello globale più che discreto ma incapace di spezzare cuori per colpa di qualche brutto dialogo e della recitazione monocorde degli attori, oltre che di quel finale da fiaba che sembra davvero fuori luogo nonostante si inserisca perfettamente nel discorso sull’ambiguità. A meno che le cose non siano diverse da come sembrano…


La locandina di The JacketTitolo: The Jacket (Id.)
Regia: John Maybury
Sceneggiatura: Massy Tadjedin
Fotografia: Peter Deming
Interpreti: Adrien Brody, Keira Knightley, Kris Kristofferson, Jennifer Jason Leigh, Daniel Craig, Brad Renfro, Kelly Lynch, Jason Lewis, Jake Broder, Jonathan Lotan, Steven Mackintosh, Laura Marano, Mackenzie Phillips, Tara Summers, Fish
Nazionalità: USA, 2005
Durata: 1h. 42′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.