Stai leggendo:

"X-Men 2" di Bryan Singer

23 aprile 2003 Recensioni 4 Commenti
X-Men

20th Century Fox, 30 Aprile 2003 – Avvincente

Gli X-Men sono alla caccia di un mutante assassino che vuole attentare alla vita del Presidente degli Stati Uniti, proprio mentre la loro Accademia viene attaccata. L’attacco origina una protesta pubblica nei loro confronti, e i politici cercano un modo per controllarli…


«Vorrei essere come quella ragazza degli X-Men, quella che passa attraverso i muri…» dice Ed Norton ne La 25a Ora di Spike Lee. Segno che gli X-Men sono davvero uno dei fumetti più noti, più diffusi, degli Stati Uniti e del mondo occidentale. Eppure il cinema non aveva reso un buon servizio al super-gruppo, alla sua prima uscita. Stavolta è tutt’altra storia.

Hugh JackmanAncora con Bryan Singer al timone, questa seconda avventura degli allievi di Charles Xavier è un film avvincente anche se composto da due parti chiaramente distinte come tono (molta commedia nella prima, azione e spiegazione nella seconda); è pieno di inside jokes dedicati ai lettori del fumetto (camei per Colosso, la Bestia, Gambit e Jubilee) e riesce a fare un ottimo uso dei tanti personaggi presenti. Ancora una volta, niente ci viene detto delle origini dei singoli mutanti (a parte la presenza del colonnello Stryker, “amico” di lunga data di Wolverine), ma ai due bravi sceneggiatori bastano pochi secondi per farci sapere chiaramente quali sono i loro poteri e le loro qualità. Il risultato è una comunità mutante variegata e convincente, capace di stupire gli spettatori neofiti ed appagare gli esperti dell’X-Universe (a parte la squallida presenza di James Marsden-Ciclope).

Brian CoxSin dalla bella scena iniziale, con l’ingresso di Nightcrawler (mal doppiato) a colpi di teletrasporto, è chiaro come questa volta Singer abbia voluto dare maggior ritmo al film rispetto al piatto primo episodio, prendendosi delle pause solo per accennare qualcosa sul passato di Wolverine e lasciando la maggior parte delle spiegazioni alla fase conclusiva della pellicola. Questo ha sì creato la netta divisione del film in due parti di cui si parlava più sopra, ma dà anche – e soprattutto – modo agli spettatori che non conoscono i fumetti di appassionarsi alle vicende che gli vengono raccontate, evitando così la freddezza narrativa che era il chiaro tallone d’Achille del primo episodio.

Alan Cumming e Halle BerrySfruttando la sotto-trama fumettistica della persecuzione governativa contro i mutanti, Dougherty e Harris hanno la possibilità di sviluppare maggiormente il concetto di gruppo supereroico, utilizzando meglio i vari X-Men rispetto a quanto fatto da David Hayter nella sceneggiatura del prototipo, che si concentrava quasi esclusivamente su Rogue e Wolverine, e rendendo ancor più chiara quale sia la differenza tra l’uomo comune e l’homo superior. Una differenza che è abbastanza ovvio porti una situazione di paura e preoccupazione nel gruppo chiaramente inferiore (gli umani), cosa che – di conseguenza – finisce per unire mutanti “buoni” e mutanti “cattivi” per cercare di sfuggire alla persecuzione che sta per iniziare.

Anna Paquin e Shawn AshmoreCon una realizzazione tecnica di prim’ordine ma anche un paio di momenti poco curati (la seduzione di Rebecca Romijn nel bar avrebbe meritato dialoghi migliori e la lotta tra Wolverine e Deathstrike avrebbe necessitato di una regia meno confusa), questo X-2 è un film d’azione più che buono, con personaggi convincenti e una trama ben architettata e ben sviluppata. Un film che non risente troppo dell’esistenza di un capitolo precedente, ma che nel finale si concede ad un’apertura piuttosto che ad una chiusura, facendo chiaramente intuire come di qui a poco avremo davanti agli occhi anche la terza avventura del gruppo. E allora la Fenice risorgerà dalle proprie ceneri…


La locandina statunitenseTitolo: X-Men 2 (Id.)
Regia: Bryan Singer
Sceneggiatura: Michael Dougherty, Dan Harris
Fotografia: Newton Thomas Sigel
Interpreti: Patrick Stewart, Hugh Jackman, Ian McKellen, Halle Berry, Famke Janssen, James Marsden, Rebecca Romijn-Stamos, Brian Cox, Alan Cumming, Bruce Davison, Anna Paquin, Kelly Hu, Shawn Ashmore, Aaron Stanford, Katie Stuart
Nazionalità: USA, 2002
Durata: 2h. 10′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 4 commenti a questo articolo:

  1. Edoardo scrive:

    Il migliore della trilogia…uno dei cinefumetti con i quali mi son divertito maggiormente.

  2. KEVIN scrive:

    bel film per me il miglior film dedicato alla saga degli x men, il primo è fatto bene ma molto semplificato ,il terzo è un pò sotto al secondo perchè cambiando regista la trilogia si è un pò rovinata anche perchè Ratner (il regista del terzo) ho voluto esagierare troppo con effetti speciali e sceneggiatura cm resta sempre un buon flm

  3. Alessandro scrive:

    X-Men-2 è uno dei migliori cinecomic dopo Superman ’78, Batman returns , The Dark Knight e Spider-Man- 2 ! Brian Singer ha confezionato un sequel eccellente e che bissa il primo episodio della fortunata saga su i Mutanti!

  4. Alessandro scrive:

    Questo secondo episodio però supera alla grande il primo a livello di sceneggiatura ,regalando più profondità ai personaggi!

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.