Stai leggendo:

"X-Men le origini: Wolverine" di Gavin Hood

28 aprile 2009 Recensioni 10 Commenti
Wolverine

20th Century Fox, 29 Aprile 2009 – Fracassone

Quando capisce che i suoi commilitoni, compreso suo fratello, non si fanno scrupolo a uccidere degli innocenti, Logan fugge in Canada. Quando poi il fratello gli uccide la fidanzata, lui accetta di sottoporsi a un esperimento che lo trasforma nell’Arma X: Wolverine…


Hugh JackmanOttiene finalmente un film tutto suo, l’X-Man più amato dai lettori di comics supereroici, ma non è certo un film che gli rende giustizia. La colpa non è tanto del regista australiano Gavin Hood, che dopo Tsotsi e Rendition si trova qui a navigare in acque a lui sconosciute, quanto della sceneggiatura banale e tamarra scritta da David Benioff (La 25a ora, Troy) e Skip Wood (Codice: Swordfish, Hitman).

Hugh JackmanDa sempre circondato da un alone di mistero riguardante le proprie origini e la propria – lunghissima – vita, in questo film Wolverine finisce per essere banalizzato da una narrazione lineare e prevedibile, da una serie di dialoghi telefonati e da un intreccio mai interessante. E l’apprezzamento dei fan come degli spettatori normali è messo anche fortemente a rischio dal pessimo lavoro dei team responsabile degli effetti speciali visivi, che paiono presi di peso da un videogioco di quart’ordine.

Liev Schreiber e Hugh JackmanPer quanto sia comprensibile l’attaccamento di Hugh Jackman – che ha convinto personalmente Hood ad accettare l’incarico – al personaggio che gli ha dato fama e fortuna, non è certo con film come questo che l’attore australiano può dare ulteriore lustro alla sua carriera, pieno com’è di scene d’azione che paiono girate solo ed esclusivamente per mettere in risalto i suoi muscoli piuttosto che le sue capacità interpretative. D’altra parte, sono stati pochi gli sceneggiatori in grado di sfruttare al meglio il personaggio di Wolverine. Benioff e Woods non sono tra questi.


La locandinaTitolo: X-Men le origini: Wolverine (X-Men Origins: Wolverine)
Regia: Gavin Hood
Sceneggiatura: David Benioff, Skip Woods
Fotografia: Donald McAlpine
Interpreti: Hugh Jackman, Liev Schreiber, Danny Huston, Lynn Collins, Will.I.Am, Kevin Durand, Dominic Monaghan, Taylor Kitsch, Daniel Henney, Ryan Reynolds, Scott Adkins, Tim Pocock, Julia Blake, Max Cullen, Troye Sivan
Nazionalità: Australia – USA – Canada, 2009
Durata: 1h. 47′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 10 commenti a questo articolo:

  1. Riccardo ( ex Mickey Rourke ) scrive:

    Hugh, è più scatenato del solito.

  2. Riccardo ( ex Mickey Rourke ) scrive:

    Il migliore della saga, assolutamente.
    Un prequel graffiante e provocatorio.
    Altro che Bryan Singer.
    Anche se il 2 X men non è stato poi tanto male.

  3. Edoardo scrive:

    No Riccardo,questo film non ha paragone con quelli di Synger. E’ girato bene e sceneggiato male,quindi rimane un prodotto sufficiente,ma “X-MEN” ed “X2″ si avvalevano di ottimi sceneggiatori (specialmente il secondo film) ed anche il terzo non era male. Questo mi ha deluso per la sceneggiatura,mi aspettavo di meglio.

  4. Marco scrive:

    A parer mio è un bel film d’azione, gli effetti gli ho trovati soddisfacenti e la storia regge bene, soprattutto se paragonata con gli altri capitoli della saga.
    L’inizio e i titoli di testa poi sono grandiosi.
    Gli attori se la cavano tutti, con particolare merito a Liev Schreiber che ho trovato bravissimo nel ruolo.
    Ovvio che i dialoghi non possono essere da Oscar dato il target del film cui è rivolto ma, appunto per questo, sono adatti.
    Personalmente l’unico film della saga che non mi è tanto piaciuto è il X2.

  5. Riccardo scrive:

    anche per me il migliore è X2 per quanto mi riguarda la recensione merita anche la stellina, comunque non è venuto fuori male nemmeno questo.

  6. Plissken scrive:

    Visto l’altro ieri in Tv. Tra i film sugli X-men questo è quello che mi ha convinto di meno, assieme all’ultimo “l’inizio”. Concordo con la recensione riguardo la vacuità in molti punti della sceneggiatura, che se studiata meglio avrebbe reso maggior giustizia al personaggio. Comunque, anche a me la regia sembra più che dignitosa.

    Riguardo i capitoli firmati Synger, che è un regista che apprezzo molto, mi sembra abbiano sempre un qualcosa in più, anche se Hood, Vaughn e soprattutto Ratner non mi sono dispiaciuti nel proseguo della saga.

    Anche a me ha sorpreso molto in positivo Liev Schreiber: davvero bravo e convincente nel suo ruolo, anche più di Jackman.

    Nel complesso direi un film godibile, per i miei personali gusti tra l’arancione ed il verde.

  7. Donato scrive:

    Tutte le recensioni di questo film che avevo letto davano giudizi alquanto negativi, per cui mi ero astenuto dal vederlo. Poi me lo sono ritrovato “allegato” al DVD di “X-Men: l’inizio” ed allora ho provato a guardarlo. Non l’avessi nai fatto…

    Film abominevole. Veramente inguardabile. Alla scena in cui Arma Zero lancia le pistole scariche in aria, facendole roteare, estrae i caricatori e li tiene fermi in mano mentre le pistole ci ricadono sopra, ricaricandosi, mi sono sentito preso per il culo al punto tale che ho stoppato il Media Player, ho estratto il DVD e l’ho buttato nel cestino della carta straccia.

    Ma per favore, c’è un limite all’assurdità delle scene che si possono propinare a degli spettatori sani di mente, anche e soprattutto considerando che il film, purtroppo, si prendeva molto sul serio, cioè non era una parodia…

    Non sono riuscito a vedere il seguito, perché è bastata quella scena assurda a rendermi il film insopportabile, ma se il buon giorno si vede dal mattino…

  8. Marco scrive:

    Rivisto. Concordo con Albe con i suoi difetti, ma nonostante tutto lo trovato ancora un godibile film d’azione (con effetti scadenti e non) e scene alquanto esagerate (come ha scritto sopra Donato) ma una buona regia e sceneggiatura che, tradisce il continuity temporale (vi rimando alla scheda di Wikipedia che ne parla), ma action al punto giusto con cattivi cattivoni e buoni eroi, per forza.
    Brutta la prestazione ed il personaggio della Collins.
    Come film di serie b per spegnere il cervello ci sta tutto.
    Ricondivido le altre impressioni scritte nel mio precedente commento.
    Mi trovo molto in sintonia col commento di Plissken.

  9. Alberto Cassani scrive:

    Non sono d’accordo sugli errori di continuity segnalati da Wikipedia (a parte il terzo), per il semplice motivo che questo film è stato girato due anni prima di “X-Men – L’inizio”, quindi gli errori sono dell’altro film, non di questo.
    Comunque secondo me nel panorama action si può trovare decisamente di meglio, poi è chiaro che nel sottoinsieme dei cinefumetti la scelta si riduce… Tra l’altro a me la Collins piace molto, ma comincia a diventare sinonimo di filmaccio come la peggior Rhona Mitra…

  10. Alessandro scrive:

    No, di errori di continuity ce ne sono ma con la trilogia. Il più. Brutto e mai digerito film sugli X Men!

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.