Stai leggendo:

Festival di Venezia 2009

13 settembre 2009 News 17 Commenti
12 Settembre 2009

Quello che segue è l’elenco dei film premiati nella 66a edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, che si è svolta dal 2 al 12 settembre 2009 in un Lido a cantiere aperto a causa dei lavori per la costruzione del nuovo Palazzo del Cinema a fianco del casinò.


I premi

Leone d’oro al miglior film: Lebanon, di Samuel Maoz (Israele)
Leone d’argento per la miglior regia: Donne senza uomini (Zanan-E Bedun-E Mardan), di Shirin Neshat (Germania)
Premio Speciale della Giuria: Soul Kitchen, di Fatih Akin (Germania)
Coppa Volpi al Miglior Attore: Colin Firth in A Single Man, di Tom Ford (USA)
Coppa Volpi alla Miglior Attrice: Ksenia Rappoport in La doppia ora, di Giuseppe Capotondi (Italia)
Premio Marcello Mastroianni alla miglior attrice emergente: Jasmine Trinca in Il Grande Sogno, di Michele Placido (Italia)
Osella per la miglior sceneggiatura: Todd Solondz per Life During Wartime, di Todd Solondz (USA)
Osella per il miglior contributo tecnico: Sylvie Olivé per le scenografie di Mr. Nobody, di Jaco Van Dormael (Francia)
Leone del Futuro – Premio Luigi De Laurentiis alla miglior opera prima: Engkwentro, di Pepe Diokno (Filippine)
Premio Controcampo italiano: Cosmonauta, di Susanna Nicchiarelli (Italia)
Menzione speciale Controcampo italiano: Negli occhi, di Francesco Del Grosso & Daniele Anzellotti (Italia)
Premio Orizzonti: Engkwentro, di Pepe Diokno (Filippine)
Premio Orizzonti Doc: 1428, di Haibin Du (Cina)


Concorso

A Single Man, di Tom Ford (USA)
Ahasin Wetei (Between Two Worlds), di Vimukhti Jayasundara (Sri Lanka)
Baarìa, di Giuseppe Tornatore (Italia) – Film di Apertura
Capitalism: A Love Story, di Michael Moore (USA)
El Mosafer (The Traveller), di Ahmed Maher (Egitto)
Il cattivo tenente: ultima chiamata New Orleans, di Werner Herzog (USA
Il Grande Sogno, di Michele Placido (Italia)
La doppia ora, di Giuseppe Capotondi (Italia)
Lei wangzi (Prince Of Tears), di Yonfan (Cina – Taiwan, Hong Kong)
Lebanon, di Samuel Maoz (Israele)
Life During Wartime, di Todd Solondz (USA)
Lo Spazio Bianco, di Francesca Comencini (Italia)
Lourdes, di Jessica Hausner (Austria)
Mr. Nobody, di Jaco Van Dormael (Francia)
My Son, My Son, What Have Ye Done di Werner Herzog (USA – Germania)
Persécution, di Patrice Chéreau (Francia)
Questione di punti di vista (36 vues du Pic Saint Loup), di Jacques Rivette (Francia)
Soul Kitchen, di Fatih Akin (Germania)
Survival of the Dead, di George Romero (USA)
Tetsuo the Bullet Man, di Shinya Tsukamoto (Giappone)
The Road, di John Hillcoat (USA)
White Material, di Claire Denis (Francia)
Yi Ngoi (Accident), di Pou-soi Cheang (Cina-Hong Kong)
Zanan-E Bedun-E Mardan (Women Without Men), di Shirin Neshat (Germania)

Giuria: Ang Lee (Presidente), Sergej Bodrov, Sandrine Bonnaire, Liliana Cavani, Joe Dante, Anurag Kashyap, Luciano Ligabue.

Fuori Concorso

Brooklyn’s Finest, di Antoine Fuqua (USA)
Chengdu, wo ai ni (Chengdu, I Love You), di Fruit Chan & Cui Jian (Cina) – Film di chiusura
Delhi-6, di Mehra Rakeysh Omprakash (India)
Dev D, di Anurag Kashyap (India)
Ehky ya schahrazad (Scheherazade, Tell Me A Story), di Yousry Nasrallah (Egitto)
Green Days, di Hana Makhmalbaf (Iran)
Gulaal
, di Anurag Kashyap (India)
L’oro di Cuba, di Giuliano Montaldo (Italia)
Le ombre rosse, di Francesco Maselli (Italia)
Napoli Napoli Napoli, di Abel Ferrara (Italia)
Prove per una tragedia siciliana, di Roman Paska & John Turturro (Italia)
[REC]², di Jaume Balagueró & Paco Plaza (Spagna)
South of the Border, di Oliver Stone (USA)
The Hole, di Joe Dante (USA)
The Informant!, di Steven Soderbergh (USA)
The Men Who Stare at Goats, di Grant Heslov (USA)
Toy Story 3D, di John Lasseter (USA)
Toy Story 2 3D, di John Lasseter, Lee Unkrich & Ash Brannon (USA)
Valhalla Rising, di Nicolas Winding Refn (Danimarca)
Yona Yona Penguin, di Rintaro (Giappone)

Settimana della Critica

Café Noir, di Sung-il Jung (Corea)
Chaleh (La buca), di Ali Karim (Iran) – Fuori concorso
Det enda rationella (Una soluzione razionale), di Jörgen Bergmark (Svezia)
Domaine (Dominio), di Patric Chiha (Francia – Austria)
Good Morning Aman, di Claudio Noce (Italia)
Kakraki (Come gli scampi), di Ilya Demichev (Russia)
Lišticky (Volpi), di Mira Fornai (Repubblica Ceca – Slovacchia – Irlanda)
Metropia, di Tarik Saleh (Svezia) – Fuori concorso
Tehroun (Tehran), di Nader T. Homayoun (Iran – Francia)
Videocracy (Videocrazia), di Erik Gandini (Svezia)

Giuria Opera Prima: Haile Gerima (Presidente), Ramin Bahrani, Gianni Di Gregorio, Antoine Fuqua, Sam Taylor Wood.

Giornate degli Autori

Alda Merini – Una donna sul palcoscenico, di Cosimo Damiano Damato (Italia)
Barking Water, di Sterlin Harjo (USA)
Celda 211, di Daniel Monzón (Spagna)
De laatste dagen van Emma Blank (The Last Days of Emma Blank), di Alex Van Warmerdam (Olanda)
Desert Flower, di Sherry Hormann (Germania – Austria – Regno Unito)
Di me cosa ne sai, di Valerio Jalongo (Italia)
Gordos, di Daniel Sánchez-Arévalo (Spagna)
Harragas, di Merzak Allouache (Algeria – Francia)
Honeymoons, di Goran Paskaljevic (Albania – Serbia)
I magliari (1959) , di Francesco Rosi (Italia) – Fuori concorso
Je suis heureux que ma mere soit vivante, di Claude Miller & Nathan Miller (Francia)
La Horde, di Yannick Dahan & Benjamin Rocher (Francia)
L’amore e basta, di Stefano Consiglio (Italia)
Mille giorni di Vito, di Elisabetta Pandimiglio (Italia)
Poesia che mi guardi, di Marina Spada (Italia)
Qu’un seul tienne, les autres suivront, di Léa Fehner (Francia)
Ragazze… la vita trema, di Paola Sangiovanni (Italia)
Vittorio D. , di Mario Canale & Annarosa Morri (Italia)

Orizzonti

1428, di Haibin Du (Cina)
Aadmi ki aurat aur anya kahaniya (The Man’s Woman and Other Stories), di Amit Dutta (India)
Armando Testa – Povero ma moderno, di Pappi Corsicato (Italia)
Choi voi (Adrift), di Thac Chuyen Bui (Vietnam)
Cytaem Blokadnuju Knigu (Reading Book of Blockade), di Aleksander Sokurov (Russia)
Deserto Rosa – Luigi Ghirri, di Elisabetta Sgarbi (Italia)
Dohawa (Buried Secrets), di Raja Amari (Tunisia)
Dou niu (Cow), di Guan Hu (Cina)
Engkwentro, di Pepe Diokno (Filippine)
Faces of Seoul, di Gina Kim (USA) – Fuori concorso
Francesca, di Bobby Paunescu (Romania)
Great Directors, di Angela Ismailos (USA – Italia – Francia)
Hugo en Afrique
, di Stefano Knuchel (Svizzera)
Il colore delle parole, di Marco Simon Puccioni (Italia)
Insolação, di Daniela Thomas & Felipe Hirsch (Brasile)
Io sono l’amore, di Luca Guadagnino (Italia)
Korotkoye Zamykaniye (Crush), di Petr Buslov, Alexei German Jr, Boris Khlebnikov, Kirill Serebrennikov & Ivan Vrypayev (Russia)
La danse – Le ballet de l’Opéra de Paris, di Frederick Wiseman (USA)
Paraiso, di Hector Galvez (Perù)
Pepperminta, di Pipilotti Rist (Svizzera)
Repo Chick, di Alex Cox (USA)
The Marriage, di Peter Greenaway (Regno Unito)
The Movie Orgy – Ultimate Version
, di Joe Dante (USA)
The One All Alone
, di Frank Scheffer (Olanda)
Totò, di Peter Schreiner (Austria)
Touxi (Judge), di Jie Liu (Cina)
Tris di donne & abiti nuziali, di Vincenzo Terracciano (Italia)
Via della croce, di Serena Nono (Italia)
Viajo porque preciso, volto porque te amo (I Travel Because I Have To, I Come Back Because I Love You), di Marcelo Gomes & Karim Aïnouz (Brasile)
Villalobos, di Romuald Karmakar (Germania)
Wahed-Sefr (One-Zero), di Kamla Abou Zekri (Egitto)
Women cengjing de wuchanzhe (Once Upon a Time Proletarian: 12 Tales of a Country), di Xiaolu Guo (Cina)
Zarte Parasiten (Tender Parasites), di Christian Becker & Oliver Schwabe (Germania)

Giuria Orizzonti: Pere Portabella (Presidente), Bady Minck, Gina Kim, Garin Nugroho, Gianfranco Rosi.

Controcampo italiano

Cosmonauta, di Susanna Nicchiarelli (Italia)
Dieci inverni, di Valerio Mieli (Italia)
Giuseppe De Santis, di Carlo Lizzani (Italia) – Evento speciale
Hollywood sul Tevere, di Marco Spagnoli (Italia)
Il compleanno, di Marco Filiberti (Italia)
Negli occhi, di Francesco Del Grosso & Daniele Anzellotti (Italia)
Il piccolo, di Maurizio Zaccaro (Italia)
Poeti, di Toni D’angelo (Italia)

Giuria Controcampo italiano: Carlo Lizzani (Presidente), Giulio Questi, Marina Sanna.


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 17 commenti a questo articolo:

  1. Andrea Chirichelli scrive:

    Mah…mi sembra il programma più debole da parecchi anni a questa parte. As usual, il fuori concorso attizza molto più della selezione ufficiale. Punto i miei 2 cents su The Men Who Stare at Goats e The Road.

  2. Alberto Cassani scrive:

    Mah… ogni anno siamo qui a dire che quello che è stato appena presentato è il programma più debole degli ultimi anni… Questo qui non mi dispiace, anche se la giuria ridicola mi fa pensar male. Gli autori interessanti ci sono anche nel concorso, anzi: personalmente prendo sempre il peggior Oliver Stone al posto del miglior Fuqua… Poi ci sono autori brasati e bolliti, vedi il Romero di cui andrà on-line settimana prossima la recensione di Diary of the Dead, ma mettere lui e Solondz in concorso mi sembra una bella cosa. Anche se poi ci toccano pure la Comencini, Chéreau e Placido… Ma almeno ci siamo evitati la Maiorca, che è stata già annunciata a Roma. E c’è la sempre interessante Claire Denis. Heslov e Hillcoat incuriosiscono anche me. Staremo a vedere.

  3. Andrea Chirichelli scrive:

    Ah, ma perché Roma si fa anche quest’anno? Non è stata abolita con la dipartita politica di Uolter?

  4. Alberto Cassani scrive:

    Ma scherzi? Da quest’anno Roma è ancora più romana, perché sono dipartiti tutti gli uomini di Uolter e sono rimasti solo quelli che erano obbligati a rimanere (tipo quelli legati a Mondadori-Medusa).

  5. CINEMAeVIAGGI scrive:

    Qualche previsione?

  6. Alberto Cassani scrive:

    Difficile. La stampa è abbastanza divisa. Diciamo che l’impressione è che il cinema italiano porterà a casa qualcosa di importante. Per il Leone d’Oro molti puntano su Lourdes, qualcuno dice Rivette, ma io non ne ho visti di meritevoli. Il migliore in concorso, secondo me, per ora è Il cattivo tenente. Il premio come miglior attore se lo giocano Nicolas Cage e Michael Shannon, l’attrice direi Isabelle Huppert per mancanza di alternative.

  7. Tommaso Tocci scrive:

    Dopo aver visto A Single Man, io il premio maschile lo darei a Colin Firth.

    Totoleone non saprei, alla fine il balletto di nomi preliminare è sempre piuttosto a casaccio. Spero che gli italiani non prendano nulla perchè non se lo meritano, spero che nessuno premi Rivette, Levanon e Lourdes non li ho visti, i migliori del concorso secondo me sono A Single Man, i due di Herzog, Yi ngoy e Life during wartime.

  8. Alberto Cassani scrive:

    Mah… Diciamo che i favoriti paiono Lebanon e Lourdes, con Soul Kitchen e Solondz in seconda fascia. Poi dipenderà da come la Giuria vorrà suddividere i premi.
    Coppa Volpi maschile penso se la giochino Viggo, Michael Shannon e forse effettivamente Colin Firth.
    Tra le donne mi piacerebbe Ksenia Rappoport, ma la Testud di Lourdes sarà probabilmente premiata se il film non vince. Ma la cosa più probabile è Leone a Lourdes e Coppa Volpi alla Buy. L’Italia porta a casa qualcosa di importante, sono sicuro anche se spero di sbagliarmi.

  9. Alberto Cassani scrive:

    Partiamo con le prime indiscrezioni, assolutamente non confermare e di dubbia provenienza:

    Coppa Volpi femminile a Jasmine Trinca.

  10. Tommaso Tocci scrive:

    Assurdo il premio alla Trinca, anche se non è stata Coppa Volpi. Sul resto ci si può stare.

  11. Alberto Cassani scrive:

    Ogni anno la giuria deve pur trovare il modo di farsi notare. Va già bene che questa volta è stata solo la Trinca… Avrebbero potuto premiare Scamarcio…

  12. Anonimo scrive:

    Ma come è possibile che nella giuria di uno dei più famosi festival del cinema di tutto il mondo, compaia il nome di Luciano Ligabue!!!! Un semi analfabeta!!!!! Sono cose che ti fanno accapponare la pelle!!!! NO COMMENT.

  13. Alberto Cassani scrive:

    Io l’avevo scritto su Facebook quando era stato annunciato Ang Lee come Presidente, che ci saremmo ritrovati con una Giuria di basso spessore. I miei amici e colleghi mi avevano criticato, ma poi i fatti mi hanno dato ragione. Però devo dire che neanch’io mi aspettavo una presenza ridicola come quella di Ligabue…

  14. Fabrizio scrive:

    Solo una piccola riflessione.
    C’è da dire che Ligabue è stato il regista (così almeno si dice) di un buon film italiano in mezzo alle tante porcherie italiche che gente ben più blasonata e accreditata riesce a produrre da decenni.
    Il che mi fa pensare che Ligabue, per quanto inadatto al ruolo, possa essere anche in grado di esprimere un giudizio magari più sensato rispetto ad altri “grossi nomi”.
    Personale opinione.

    Tanto se le premiazioni sono politiche, rimangono politiche indipendentemente dai nomi.

  15. Edoardo scrive:

    No la cosa che più fa rabbia è che a stroncare un film debba esserci uno inesperto come Libabue,che ha fatto 2 film,a parer mio sopravvalutati.
    Come se poi uno solo dei suoi film valesse solo lontanamente Baaria…
    che cosa ridicola.

  16. Fabrizio scrive:

    Condivido il fatto che chiamare Ligabue non sia il massimo come scelta in sè. Condivido invece meno il fatto che di base debba essere incapace di esprimere un giudizio sensato o con un certo criterio solo perchè non ha il curriculum di altra gente. Saper girare film di livello è diverso dal giudicare le opere degli altri. E spesso artisti importanti, quando parlano delle opere altrui emettono giudizi discutibili, magari filtrati da chissà quali convinzioni artistiche. Per Tarantino, ad esempio, “Unbreakable” di Shyamalan è uno dei 15 migliori film realizzati dal 1992 ad oggi. Tu che ne diresti? E se lo dicesse Ligabue cosa ne penseresti?

    Ad ogni modo “Radiofreccia” è un buon film, fra l’altro un film d’esordio, nettamente sopra la media per quanto riguarda il cinema italiano più o meno recente. E molto migliore rispetto a certi film di Michele Placido o Dario Argento (praticamente tutti i suoi ultimi), che pure verrebbero considerati più adatti a sedere in una giuria, nonostante uno sbrocchi ogni tre per due e l’altro sia ormai fuso di testa.

    E “Baarìa” è comunque il film sopravvalutato di un regista di nome.

  17. Alberto Cassani scrive:

    C’è da dire però una cosa: per sedere in giuria in un Festival importante come quello di Venezia occorrerebbe molta esperienza sul set (o attorno al set) per capire al meglio tutte le problematiche che chi ha realizzato un determinato flm può aver dovuto affrontare, e servirebbe anche una buona se non ottima esperienza nelle giurie di Festival di minore importanza per avere un’idea di come funziona. Poi è chiaro che in una giuria seria uno come Ligabue conterebbe come il due di picche quando la briscola è fiori, ma in questo caso non mi sento di escludere che gli altri siano stati ad ascoltarlo quando apriva bocca per esprimere la sua opinione.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre