Stai leggendo:

Festival di Venezia 2014

7 settembre 2014 News 5 Commenti
Festival di Venezia 2014

Ecco l’elenco dei film che sono stati premiati al termine della 71ª edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, che si è tenuta nella tradizionale sede del Lido dal 27 Agosto al 6 Settembre.

La giuria presieduta dal compositore francese Alexandre Desplat ha valutato un concorso composto da venti pellicole provenienti da tutto il mondo…


I premi

Leone d’oro per il miglior film: En duva satt på en gren och funderade på tillvaron di Roy Andersson
Leone d’Argento per la miglior regia: Belye nochi pochtalona Alekseya Tryapitsyna di Andrei Konchalovsky
Gran Premio della Giuria: The Look of Silence di Joshua Oppenheimer
Coppa Volpi per la miglior attrice: Alba Rohrwacher in Hungry Hearts di Saverio Costanzo
Coppa Volpi per il miglior attore: Adam Driver in Hungry Hearts di Saverio Costanzo
Premio Marcello Mastroianni per l’attore emergente: Romain Paul in Le dernier coup de marteau di Alix Delaporte
Premio per la miglior sceneggiatura: Ghesseha di Rakhshan Bani E’temad
Premio Speciale della Giuria: Sivas di Kaan Müjdeci
Miglior film Orizzonti: Court di Chaitanya Tamhane
Premio per la Regia Orizzonti: Theeb di Naji Abu Nowar
Premio Speciale della Giuria Orizzonti: Belluscone, una storia siciliana di Franco Maresco
Premio Orizzonti per la miglior recitazione: Emir Hadzihafizbegovic in Takva su pravila di Ognjen Svilicic
Premio Orizzonti per il miglior cortometraggio: Maryam di Sidi Saleh
Premio Leone del Futuro Luigi De Laurentiis per la miglior opera prima: Court di Chaitanya Tamhane
Premio per il miglior film restaurato: Una giornata particolare di Ettore Scola
Premio Venezia Classici per il miglior documentario sul cinema: Animata resistenza di Francesco Montagner e Alberto Girotto
Premio del pubblico Settimana della Critica: Nicije dete (No One’s Child) di Vuk Ršumovic
Premio Giornate degli Autori: Ritorno a L’Avana di Laurent Cantet
Premio del Pubblico Giornate degli Autori: Mita tova – Farewell Party di Maymon & Granit


Concorso

3 Coeurs di Benoît Jacquot
99 Homes di Ramin Bahrani
Anime nere di Francesco Munzi
Belye nochi pochtalona Alekseya Tryapitsyna di Andrei Konchalovsky
Birdman di Alejandro González Iñárritu – Film d’apertura
Chuangru zhe di Xiaoshuai Wang
En duva satt på en gren och funderade på tillvaron di Roy Andersson
Ghesseha di Rakhshan Bani E’temad
Good Kill di Andrew Niccol
Hungry Hearts di Saverio Costanzo
Il giovane favoloso di Mario Martone
La rançon de la gloire di Xavier Beauvois
Le dernier coup de marteau di Alix Delaporte
Loin des hommes di David Oelhoffen
Manglehorn di David Gordon Green
Nobi di Shinya Tsukamoto
Pasolini di Abel Ferrara
Sivas di Kaan Müjdeci
The Cut di Fatih Akin
The Look of Silence di Joshua Oppenheimer

Giuria: Alexandre Desplat (Presidente), Joan Chen, Jessica Hausner, Jhumpa Lahiri, Sandy Powell, Tim Roth, Elia Suleiman, Carlo Verdone.

Fuori concorso

Boxtrolls di Anthony Stacchi & Annable Graham
Burying the Ex
di Joe Dante
Huangjin shidai di Ann Hui – Film di chiusura
Hwajang di Im Kwon-taek
Im keller di Ulrich Seidl
Italy in a Day – Un giorno da italiani di Gabriele Salvatores
La trattativa di Sabina Guzzanti
La zuppa del demonio di Davide Ferrario
Nymphomaniac  Director’s Cut di Lars Von Trier
Olive Kitteridge di Lisa Cholodenko
Perez. di Edoardo De Angelis
Qin’ ai de di Peter Ho-sun Chan
She’s Funny That Way di Peter Bogdanovich
The Humbling di Barry Levinson
The Sound and the Fury di James Franco
Tsili di Amos Gitai
Words with Gods di Aa.Vv.

Settimana della Critica

Arance e martello di Diego Bianchi  – Fuori concorso
Binguan di Yukun Xin
Dancing with Maria di Ivan Gergolet
Dap cánh giua không trung di Nguyên Hoàng Diêp
Melbourne di Nima Javidi – Fuori concorso
Nicije dete di Vuk Ršumovic
Terre battue di Stéphane Demoustier
Villa touma di Suha Arraf
Zerrumpelt herz di Timm Kröger

Giuria Opera Prima: Alice Rohrwacher (Presidente), Lisandro Alonso, Ron Mann, Vivian Qu, Razvan Radulescu.

Giornate degli Autori

9×10 novanta di Aa.Vv.
Asha jaoar majhe di Adityavikram Sengupta
Before I Disappear di Shawn Christensen
El 5 de talleres di Adrián Biniez
Five Star di Keith Miller
He ovat paenneet di Jp Valkeapää
I nostri ragazzi di Ivano De Matteo
Les nuits d’été di Mario Fanfani
One on One di Kim Ki-duk
Messi di Àlex de la Iglesia
Métamorphoses di Christophe Honoré
Mita tova di Maymon & Granit
Patria di Felice Farina
Ritorno a L’Avana di Laurent Cantet
The Goob Guy di Myhill
The Lack di Masbedo
The show mas go on di Rä Di Martino
The Smell of Us di Larry Clark
Tussen 10 en 12 di Peter Hoogendoorn

Giuria Venice Days: Diego Lerman (Presidente)

Orizzonti

Belluscone, una storia siciliana di Franco Maresco
Bypass di Duane Hopkins
Court di Chaitanya Tamhane
Cymbeline di Michael Almereyda
Heaven Knows What di Josh Safdie & Ben Safdie
Ich seh ich seh di Veronika Franz & Severin Fiala
Io sto con la sposa di Aa.Vv.
Jackie & Ryan di Ami Canaan Mann
Jayueui onduk di Hong Sang-soo
Kreditis limiti di Salomé Alexi
La vita oscena di Renato de Maria
Nabat di Elchin Musaoglu
Near Death Experience di Delépine & Kervern
Réalité di Quentin Dupieux
Senza nessuna pietà di Michele Alhaique
Takva su pravila di Ognjen Svilicic
The President di Mohsen Makhmalbaf
Theeb di Naji Abu Nowar

Giuria: Ann Hui (Presidente), Moran Atias, Pernilla August, David Chase, Mahmat-Saleh Haroun, Roberto Minervini, Alin Tasçiyan.


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 5 commenti a questo articolo:

  1. Sebastiano scrive:

    Buon lavoro a chi di voi va Venezia (ma anche a chi non ci va)

  2. Alberto Cassani scrive:

    Grazie Sebastiano. Il programma non è particolarmente scintillante, ma fingiamo di avere fiducia…

  3. Fabrizio Degni scrive:

    Grazie Sebastiano e… alla redazione che ha la fortuna di essere li (fortuna = onere con entrambi gli accenti eheh).

  4. Guido scrive:

    Stando a quanto letto nei vari siti di cinema, tra opinioni e recensioni, non mi pare sia stata un’edizione particolarmente esaltante (a voler essere buoni). Anche quest’anno ha vinto il solito film che, a prescindere dalla sua qualità o meno, non andrà a vedere nessuno e/o verrà distribuito in una decina di sale.

  5. Alberto Cassani scrive:

    E’ stata un’edizione di livello medio: poche boiate ma pochi film davvero validi. Alla fin fine, i tre premi principali sono corretti (ma io avrei invertito l’ordine), le due Coppe Volpi invece sono come al solito ridicole. Però i festival non si fanno per promuovere i film che interessano il pubblico, ma proprio per permettere al pubblico e agli addetti ai lavori di avvicinarsi a un cinema che altrimenti ignorerebbero completamente.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.